Fiere di San Settimio, in arrivo 460 bancarelle. Controlli green pass e lotta abusivismo | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Fiere di San Settimio, in arrivo 460 bancarelle. Controlli green pass e lotta abusivismo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Fiere di San Settimio, si scaldano i motori per il ritorno della bancarelle nei tre giorni successivi la festa del Patrono. Una tradizione che esiste in città da più di 700 anni e che dal 23 al 25 settembre (dalle 8 alle 24) animerà le vie e piazze del centro storico e quelle a ridosso delle mura medievale con 460 espositori. Un numero inferiore di qualche centinaia rispetto agli altri anni – in cui si superavano i 600 banchi -ma solo per ragioni ovviamente legate al piano di sicurezza. Già dal 22 settembre, giorno del Patrono, l’anteprima con bancarelle dei dolci (piazza della Repubblica, piazza Indipendenza e piazza Spontini) e punti ristoro operativi a Porta Valle, preceduta dal mercato settimanale del mercoledì che resta confermato.

«Dopo un anno di stop imposto dalla pandemia – spiega l’assessore al Turismo e Commercio Ugo Coltorti – il ritorno delle Fiere in città rappresenta un momento di rinascita. Il ringraziamento va a tutti gli uffici comunali che si sono adoperati per la realizzazione della manifestazione. Non è stato facile: molte le regole da rispettare, viste anche le limitazioni imposte dal covid: ma questo è il momento di ripartire tutti insieme». L’assessore rassicura chi teme il rischio assembramenti:  «In merito alle Fiere, abbiamo ritenuto che c’erano i presupposti per poterle realizzare: siamo stati i primi a dire di no quando mancavano le condizioni. L’organizzazione è stata complessa, è vero, ma ci siamo riusciti».

Sarà un’edizione delle Fiere con regole da rispettare: green pass obbligatorio per accedere, mascherina da indossare in caso di assembramento e mantenere la distanza interpersonale di 1 metro.

I controlli della certificazione saranno a campione, in quanto trattasi di manifestazione all’aperto: «I controlli del green pass saranno effettuati nel corso della manifestazione – fa sapere Filippo Peroni, vice comandante della Polizia locale di Jesi -. Nulla vieta che saranno effettuate verifiche agli ingressi, dove sono state apposte segnaletiche contenenti le regole anti-covid e sanificatori. Si ricorda che chi è senza green pass rischia una sanzione che va da 400 a 1000 euro». Sul fronte sicurezza, task force anche contro l’abusivismo in collaborazione con la Questura. Dal Comune anche un appello ai cittadini, per scoraggiare l’acquisto di oggetti contraffatti: «Si ricorda che è reato – afferma Peroni – con sanzioni fino a 7 mila euro». Il personale di Polizia locale sarà presente per gli accertamenti, sul fronte sicurezza operative anche la A.N.C. Jesi – Nucleo di Volontariato e Protezione Civile “A.N.C. I Leoni Rampanti – Jesi”, Nucleo Volontariato CB OM, staff di una ditta esterna. Per il soccorso sanitario la Croce Rossa di Jesi.

Mappa

Sono 11 i varchi di accesso, presidiati e segnalati con transenne e blocchi, mentre l’impianto di viabilità è stato solamente leggermente modificato rispetto agli anni passati: «La parte superiore di Corso Matteotti sarà transitabile, lasciata quest’anno libera da bancarelle al fine di evitare assembramenti lungo il tratto interessato dai cantieri». Le fiere in centro dunque iniziano da piazza della Repubblica, con gli operatori di Corso Matteotti ricollocati in nuove aeree.  Proprio per lasciar posto agli ambulanti, quest’anno il mercatino degli artigiani è stato spostato da piazza Federico II a piazza Colocci. Inoltre, per ragioni di sicurezza legate al covid, non ci sarà più il tendonato dei prodotti tipici regionale fuori Porta Valle ma gli stand saranno riposizionati tra piazza Baccio Pontelli e piazzale dei Partigiani. Occupato dagli stand anche un tratto di via del Montirozzo e di via Setificio. «Abbiamo dovuto riprogettare gli spazi per i lavori lungo Corso Matteotti e per rendere più fluido il passaggio ed evitare il formarsi di assembramenti – spiega Matilde Sargenti, responsabile Suap del Comune di Jesi -. Non potranno essere occupate per intero via Mazzini, via del Torrione e via Cascamificio, dunque qui i banchi sono stati distribuiti su un solo lato».

Tutti i posteggi sono stati assegnati. «Gli operatori aventi diritto sono stati tutti allocati – fa sapere Sargenti -. Posti garantiti in primis a chi avevano la decennale e, nel caso di rinuncia, il posteggio è stato riassegnato a chi non sarebbe stato ammesso per precedenza». Soddisfazione dalle associazioni di categoria : «Un grande segnale di ripartenza per tutti» sono le parole del presidente CNA Francesco Barchiesi; «L’occasione giusta per stimolare il lavoro e il commercio» è il commento di Marco Arlia, responsabile Confartigianato Jesi e Vallesina.

A cura di Chiara Cascio
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.