Fiere di San Settimio, misure di intervento per contrastare gli abusivi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Fiere di San Settimio, misure di intervento per contrastare gli abusivi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Con l’avvicinarsi delle Fiere, torna ad aleggiare in città lo spettro dell’abusivismo. Uno spettro che si materializza durante le tre giornate di fiera – a Jesi il 23, 24 e 25 settembre – e che il Comune di Jesi intende contrastare facendo il possibile, nonostante “le molte criticità”. A dirlo è il sindaco Massimo Bacci, preoccupato per il fenomeno che, puntuale, si ripresenta ad ogni Fiera del Patrono, con la massiccia presenza di venditori abusivi pronti ad occupare ogni spazio vuoto disponibile.  “La necessità non è solo quello di contenere se non eliminare il problema ma anche salvaguardare la sicurezza dei cittadini durante l’evento –  dichiara il sindaco –  Gli abusivi sono tanti ed è difficile tener sotto controllo il fenomeno: in alcune città del Paese sono anche capitati episodi di aggressività e rivolta di questi soggetti contro chi cercava di contrastarli”.
Intanto, la Polizia locale, che opererà con 4 unità in più, su indicazioni del Comandante Liliana Rovaldi, si è già confrontata con Finanza e  forze dell’ordine per creare squadre anti-abusivismo. Ci saranno poi anche Protezione civile, l’associazione dei Carabinieri in congedo e la Croce Rossa per offrire servizio di assistenza e sicurezza su tutta l’area della manifestazione. “Ciascun potrà  aiutare nel suo piccolo a contrastare il fenomeno decidendo di NON acquistare dagli abusivi – fa sapere il Sindaco – anche perché farlo è reato: sia perché questo tipo di compravendita raggira le norme tributarie sia perché favorisce il mercato della contraffazione”.

Sempre per  la sicurezza, saranno due le postazioni di soccorso della Croce Rosse, collocate l’una nel centro storico “in alto”, davanti la chiesa delle Grazie, l’altra nella zona “bassa” all’incrocio tra via Mazzini e e via del Lavatoio.

Il Sindaco, questo pomeriggio in conferenza stampa, ha poi ringraziato il Consigliere delegato ai Mercati e al Commercio Marco Giampaoletti, da quattro anni responsabile della “gestione comunale” dell’evento, e tutti gli Uffici comunali, in particolar modo il Commercio e Attività Produttive, per l’ottimo lavoro svolto: se nel 2012, le Fiere di San Settimio registravano un – 25 mila euro, nel bilancio della kermesse si è passati, grazie alla gestione diretta del Comune e ad una maggiore ottimizzazione degli spazi, ad un +35 mila euro nel 2013, + 58 mila euro nel 2014 e infine un + 39 mila negli 2015. Con il risultato che, negli ultimi tre anni, il Comune di Jesi ha incassato circa 130 mila euro netti: “Somma che sarà investita in progetti legati al commercio, quali il potenziamento di via N. Sauro, in termini di attività e servizi, e il trasferimento del mercato – ha detto Giampaoletti – Grazie ad una migliore organizzazione, resa più veloce e pratica dall’ingresso del sistema SUAP telematico, siamo riusciti ad abbattere numerosi costi”. E così, quest’anno, quasi tutte le domande di partecipazione – 560 su 579 complessive – sono pervenute tramite portale, rispetto agli anni precedenti in cui molte venivano consegnate ancora in forma cartacea. Sono 529 le domande di partecipazione ritenute per forma idonee e complete: sono ancora disponibili e in lista d’assegna circa 52 banchi per generi vari, 21 per la categoria mercatini artigiani, 7 per imprenditori agricoli e 1 per animali vivi. Questi posti saranno oggetto di ridistribuzione il giorno della spunta giovedì mattina, con la riformulazione di una nuova graduatoria e successiva assegnazione dei posteggi rimanenti (all’ufficio Fiera, in piazza Spontini).

Domande in aumento, rispetto agli scorsi anni, anche se alcuni ambulanti non si sono presentati poi all’assegnazione effettiva. Sono solo 11 gli espositori non trovati in regola con il DURC, di cui una metà, all’occasione, ha deciso di regolarizzarsi.

Tornano già da giovedì in anteprima  gli spazi gestiti dalla Globe Trotter, con le aree stand divise per tematiche:”La Curiosità è donna”, in piazza Spontini e piazza Ghislieri, “Dimmidisì” in piazza Colocci dedicato a chi pensa alle nozze, “Verdevoglia”, con piante, fiori, attrezzature e decorazioni in piazza Indipendenza, “Golosando”, una gustosa carrellata di prodotti tipici delle varie regioni italiane in piazzale dei Partigiani (Porta valle) e “Curiosando”, con concessionarie auto, edilizia e articoli per la casa presso la stazione autocorriere (Porta Valle). Considerando anche gli espositori della Fiera Campionaria (sempre nella stazione autocorriere) e gli stand delle associazioni, in previsione le bancarelle saranno oltre 600.

A differenza degli ultimi due anni, quest’anno le bancarelle saranno disposte (procedendo verso l’arco) su lato destro del Corso Matteotti.

Tra le novità, all’occasione il CJMAE con il patrocinio del Comune di Jesi organizzerà un’esposizione di auto, moto e trattori d’epoca di almeno 30 anni nel parcheggio delle Conce, lasciato in esclusiva per la mostra statica, con ingresso ed uscita in via Castelfidardo, proprio sotto gli ascensori per piazza della Repubblica. Anche il Comune di Jesi avrà il proprio stand in piazza della Repubblica per ascoltare e offrire informazioni utili al cittadino, soprattutto sul piano di emergenza comunale e di protezione civile.

(Chiara Cascio)

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.