Fiere, il Tribunale Diritti del Malato: “Cittadini come topi in trappola in caso di emergenza”

JESI- “Quello che è accaduto ieri nella prima giornata delle Fiere di San Settimio è molto grave: due cittadini hanno rischiato conseguenze importanti per la loro salute a causa delle difficoltà dei mezzi di soccorso a raggiungere i luoghi degli eventi per la presenza delle bancarelle”. Queste le parole di indignazione di Pasquale Liguori del Tribunale del Malato in merito alle misure di prevenzione dagli atti terroristici che “non si fanno “chiudendo” i cittadini in una trappola per topi dove in caso di necessità essi non possono essere raggiunti da ambulanze/vigili del fuoco” o “segregando letteralmente le auto custodite in molti garage privati con mezzi degli ambulanti impedendo ai cittadini stessi di utilizzare i mezzi in caso di necessità”.

“L’amministrazione comunale  si è preoccupata tanto della lotta agli abusivi ,sollecitata ovviamente dai commercianti, schierando finanza, protezione civile, polizia locale e così via ma ha trascurato aspetti molto importanti quali quello di garantire vie di fuga libere e fruibili in caso di  emergenza – punta il dito Liguori – Ha omesso di eseguire controlli affinchè gli accessi ai fabbricati / garage fossero liberi in caso di necessità: che non si debba insomma in certi casi uscire di casa e trovarsi davanti un camerino attrezzato con tanto di specchio! Ci auguriamo  che dopo gli eventi accaduti si ponga immediato rimedio a queste gravi mancanze che mettono a rischio la salute pubblica”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*