Fiere, la città invasa dagli abusivi. Scoppia anche una rissa | Password Magazine
Lulù  

Fiere, la città invasa dagli abusivi. Scoppia anche una rissa

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – Trascorrono la notte accampati agli Orti Pace, al parco di via Setificio o in qualche area libera di Porta Valle. Lì trovano riposo e ristoro, mentre attendono che alle Fiere arrivi l’ora di punta. Sono gli abusivi, anche quest’anno arrivati in massa con i loro sacconi blu piena di merce contraffatta, pronti a fare affari in occasione delle tre giornate di Fiera del Patrono. Un gruppo numeroso di irregolari è solito posizionarsi con la mercanzia lungo il tratto di Corso che dal caffé Saccaria arriva fino all’altezza di Bardi. Sul marciapiede, di tutto: giubbini, scarpe, borse, occhiali da sole, disegni. Un altro gruppo, invece, opera nella zona di Porta Valle, stazionandosi nei vari spazi vuoti di qua e al di là della strada che fiancheggia il perimetro delle mura lungo via Torrione. Non risolutiva all’eliminazione del fenomeno la maxi squadra composta da Municipale, Finanza, Carabinieri e Polizia, costantemente attiva nel pattugliare tutta l’area delle Fiere: gli abusivi, superiori in numero, molto spesso riescono a fuggire ancor prima dell’arrivo della task force per poi tornare, prontamente, a riposizionarsi all’allontanarsi delle forze dell’ordine. Come è successo ieri sera, intorno alle 20.00: gli agenti di Polizia locale e Guardia di Finanza sono tempestivamente intervenuti nel placare una rissa scoppiata all’altezza del bar Snoopy tra un gruppo di venditori extracomunitari abusivi che si contendevano il posto migliore. Non ci sarebbero state conseguenze particolari, se non lo sgomebro degli irregolari dalla zona. Tracorsa mezz’ora, gli abusivi tornavano intorno le 20.30 risalendo lungo via Mazzini, pronti a riposizionarsi lungo il Corso e a fare affari con quei cittadini che tutto sommato, se ne dica quel che se ne dica, comprano.

(Chi.Ca)

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.