Figliuolo ad Ancona: «Astrazeneca sicuro, Marche verso le 15 mila dosi giornaliere» | Password Magazine

Figliuolo ad Ancona: «Astrazeneca sicuro, Marche verso le 15 mila dosi giornaliere»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – «Il piano è stato riadeguato ma non cambia, resta il target delle 500mila dosi giornaliere. Da oggi l’inoculazione del vaccino AstraZeneca si apre alla platea dei 60-79 anni. Inoltre, chi degli under 60 ha già ricevuto la prima dose, riceverà anche la seconda». Così il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, oggi in visita nelle Marche insieme al Capo Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio,  accompagnati dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli e l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini. Insieme, questa mattina alle 10 hanno partecipato all’inaugurazione del nuovo punto vaccinale di Piediripa di Macerata, in Via Teresa Noce. Successivamente, alle ore 11.15, hanno visitato il punto vaccinale di Ancona allestito presso l’impianto sportivo Paolinelli di Via Schiavoni. In conclusione la tappa a Palazzo Raffaello di Ancona, sede della Regione Marche, dove si sono tenuti incontri con la giunta regionale e i prefetti delle Marche per fare il punto sulla situazione vaccini.

In merito agli ultimi sviluppi sulla somministrazione di Astrazeneca Figliuolo ha ribadito: «L’Ema ha detto che è un vaccino sicuro. L’Aifa, l’IIS, Consiglio Superiore di Sanità e il Ministero della Salute hanno deciso di fare una raccomandazione dicendo che è auspicabile l’inoculazione a persone over 60, confermando che chi ha ricevuto già la prima dose riceverà la seconda. Io non sono un scienziato mi limito a riportare quanto mi è stato riferito. Per quel che riguarda invece il mio operato il piano è stato riadeguato ma il target non cambia».

«A fine mese si dovranno raggiungere le 15mila vaccinazioni al giorno per essere in linea con il piano – ha proseguito poi il Generale Figliulo – Se ci vacciniamo ne usciamo. Appena completeremo gli over 80 e i fragili apriremo la vaccinazione alle classi produttive. I nostri territori hanno sofferto, questo è uno territorio del made in Italy e dobbiamo riportare il made in Italy nel mondo, dobbiamo riaprirci. Voglio anche complimentarmi per i centri di Piediripa e di Ancona – ha detto ancora –: il primo è l’essenza del piano vaccinale realizzato grazie alla collaborazione tra pubblico e privato, l’altro è un esempio da seguire  perché rappresenta una struttura semplice, a costo zero ed efficace”.

curcio
Il Capo Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio

«Qui nelle Marche – ha aggiunto  – siamo vicini ai valori target, ieri sono state somministrate oltre 9mila dosi e a fine settimana si arriverà alle 10mila. La Regione è sopra la media nazionale per la vaccinazione degli over 80, si parla del 70% rispetto al 62,63% italiano. Abbiamo verificato la qualità della somministrazione nelle strutture ed il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Queste nostre visite non sono passerelle» .

saltamartini
Da destra, il presidente Francesco Acquaroli, il Commissario straordinario per l’emergenza Generale Francesco Paolo Figliuolo e l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini

«Le parole del Generale ci dicono che siamo sulla strada giusta. Una visita importante, quella di oggi, e un confronto molto costruttivo da cui partire per fare ancora meglio – ha commentato il Governatore Acquaroli -. La campagna di vaccinazione sta entrando nel vivo. Organizzarla non è facile, ci sono tante variabili, ma siamo ad un punto di svolta importante. Ieri con 9mila vaccini abbiamo raggiunto il miglior risultato fino ad oggi e siamo convinti che nei prossimi giorni riusciremo a fare di più. Appena i rifornimenti del vaccino ce lo consentiranno, inoltre, metteremo in campo altre iniziative con il coinvolgimento delle imprese, delle associazioni di categoria e dei sindacati per velocizzare le vaccinazioni. È nostra intenzione mettere in sicurezza tutta la popolazione il prima possibile».

«Nelle Marche ci avviciniamo a grandi passi ai target indicati dal Generale per avere nel giro di tre mesi l’immunità di gregge. Se i rifornimenti di dosi di vaccino proseguiranno come previsto entro luglio potremo vaccinare almeno 900mila persone». Ha aggiunto l’assessore Saltamartini.

«Questo è un territorio che porta ancora le ferite del sisma e questa emergenza nazionale si va a sommare in alcuni territori alla necessità di ricostruire –è l’intervento di Curcio -. In queste aree c’è bisogno di un’attenzione in più». Curcio ha, inoltre, elogiato l’impegno dei volontari di Protezione civile che operano sul territorio marchigiano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.