Finti "poliziotti marocchini" rubano IPhone fuori dalla discoteca, denunciati per rapina | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Finti "poliziotti marocchini" rubano IPhone fuori dalla discoteca, denunciati per rapina

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono stati denunciati per rapina due magrebini di 25 anni per aver derubato e aggredito due algerini sabato scorso, all’uscita di una discoteca della città. Si tratta di R.G e di F.P. entrambi residenti a Jesi. Erano circa le 3 di notte: mentre gli algerini raggiungevano la loro auto per lasciare la festa, i due si sarebbero avvicinati alle vittime fingendosi “poliziotti marocchini” in borghese, tanto da richiedere loro i documenti. Uno dei due algerini, impegnato in una conversazione telefonica con il suo I-phone, non credendo alle parole di quei presunti agenti, chiedeva loro di allontanarsi. Nasce un diverbio tra i quattro stranieri. I due algerini si apprestano allora a salire in auto ma fanno l’errore di aprire il finestrino dal lato passeggero: i finti poliziotti ne approfittano per aggredire l’algerino con il cellulare all’orecchio riuscendo a strapparglielo via e a fuggire. Le vittime si rivolgono allora al 113. Sulla base delle descrizioni fornite agli agenti del Commissariato di Jesi, una pattuglia di controllo si reca presso l’abitazione dei rapinatori e, dopo una perquisizione, recuperano l’IPhone rubato e provvedono alla denuncia dei due aggressori.

Continua l’impegno del Commissariato di Jesi, guidati dal dirigente dott. Orazio Antonio Massara, nelle operazioni di tutela e prevenzione contro i furti: da lunedì sono operative le 6 pattuglie del Reparto Prevenzione crimini di Perugia che, in poco meno di una settimana, hanno già effettuato oltre 100 controlli al giorno, concentrati nelle zone sensibili della città. Un lavoro proficuo e importante che ha permesso alle Forze dell’Ordine di individuare e rimpatriare almeno 10 individui non il regola con i permessi di soggiorno e di sequestrare 3 autovettura che circolavano prive di assicurazione.

Chiara Cascio (chiaracascio@leggopassword.it)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.