Fiorella Ciaboco, solidarietà a Milano con "Difendiamo il Made in Marche" | | Password Magazine
Lulù  

Fiorella Ciaboco, solidarietà a Milano con "Difendiamo il Made in Marche"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  È una marchigiana Doc e sostiene lo slogan “DifendiAmo il Made in Marche”: è la jesina Fiorella Ciaboco. Dalla sartoria di Jesi a Milano, da più di 10 anni, opera nel settore della moda ed è proprio nel territorio milanese che da anni porta avanti la sua causa: valorizzare e diffondere l’artigianato marchigiano, coinvolgendo in prima persona le aziende marchigiane, esponendo e vendendo i loro prodotti in una parte del suo Atelier. Dopo il recente sisma, Fiorella si è fatta ambasciatrice della Regione e dal quel 24 Agosto ha focalizzato il progetto principalmente su quelle realtà artigianali maggiormente danneggiate, sia in termini di struttura che in termini di vendita effettiva.

Il punto di riferimento è il suo atelier di 200 mq, in cui accosta in un mix perfetto “fashion&food”. Ha lanciato un appello: “Venite a Milano, vi ospito nel mio atelier, vi do la possibilità di farvi conoscere e di vendere ciò che producete”. Le aziende presenti che già collaborano in nome della solidarietà sono: la Si.Gi., confezioni di confetture, gelatine, vino di visciola, di Macerata, la Sa.Mo., salumi, di Matelica, Cartechini, olio e pasta, di Montecassiano, Fronzi, prodotti da forno, di Pieve Torina, Carla Latini Pastificio di Osimo, Cantina Maraviglia di Matelica, Anisetta Rosati di Ascoli Piceno, Filodivino Lacrima di San Marcello, Dolciaria Marche di Monsano, azienda agrivinicola Montecappone – la prima ad aderire al progetto– Lalli Zucchero di Serra de’ Conti e Scatolificio Di Battista di Monte San Vito.

Il punto di forza di Fiorella è l’amore per le Marche e va avanti da sola, senza aiuti economici da parte enti o istituzioni. Ed è da qui che parte il suo appello che grida a gran voce: “Mi manca l’appoggio da parte delle istituzioni e della regione in particolare, mi manca personale che si occupi soltanto dei prodotti che arrivano ogni giorno. Io cerco di destreggiarmi tra abiti e cibo, ma ammetto che da sola non è per niente facile.”

Il progetto sta avendo dei riscontri positivi, ne ho avuti molti soprattutto nel periodo natalizio, grazie all’invettiva di finanziare la fornitura di 300 scatole, con ben evidenziato il brand, “DifendiAmo il Made in Marche” nelle quali confezionare i prodotti. Le scatole sono arrivate anche a grandi imprenditori, persino a Dolce e Gabbana, che ne sono rimasti piacevolmente colpiti, ed entusiasti dell’iniziativa e ovviamente dei prodotti.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.