Firmato il Protocollo «Lavoro-Sicurezza» della Regione Marche | Password Magazine

Firmato il Protocollo «Lavoro-Sicurezza» della Regione Marche

Ceriscioli: «Un grande lavoro di condivisione per ripartire in sicurezza, supportando concretamente imprese e lavoratori nello svolgimento della propria attività»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Da sinistra: il presidente Anci Marche Maurizio Mangialardi, il Governatore della Regione Luca Ceriscioli e il direttore Asur Nadia Storti

ANCONA – La sicurezza come strumento per ripartire. É stato presentato questa mattina il protocollo di sicurezza promosso dalla Regione Marche, condiviso e sottoscritto da Cgil Marche, Cisl Marche, Uil Marche, Confartigianato, Cna, Confapi, Confesercenti, Confcommercio, Claai, Casartigiani, Lega Cooperative, Confcooperative, Agci, Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Copagri. Uno strumento nato da un percorso condiviso tra Regione Marche Asur e Anci Marche, con l’obiettivo principale di supportare imprese e lavoratori nello svolgimento delle attività produttive, commerciali e dei servizi, nel rispetto delle disposizioni anti Covid-19.

I dettagli sono stati resi noti nel corso di una videoconferenza stampa dal Governatore delle Marche Luca Ceriscioli, insieme al direttore generale Asur Marche Nadia Storti e al presidente Anci Marche Maurizio Mangialardi, con tutte le parti sociali collegate in video.

La fase 2, quella del ritorno alla normalità, impone infatti la collegialità, la condivisione delle scelte tra istituzioni e parti sociali, in un’ottica di patto per lo sviluppo che veda una ripartenza in sicurezza, valorizzando il ruolo che ognuno svolge, a partire dalla rappresentanza delle imprese e dei lavoratori:«L’economia necessita di rimettersi in moto e occorre farlo in assoluta sicurezza -ha detto il presidente Ceriscioli – . Il Protocollo Lavoro-Sicurezza integra la normativa nazionale sull’emergenza Coronavirus con impegni calibrati alle esigenze manifestate nelle Marche, con le parti firmatarie che si impegnano a garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro, una adeguata consapevolezza dei livelli di protezione personale, un’organizzazione dei servizi misurati alle esigenze lavorative».

La Regione Marche favorirà la mappatura del contagio anche tramite il ricorso ai test sierologici validati: il loro utilizzo, tra i lavoratori, è regolato da un’apposita delibera regionale. Si impegna inoltre a dare un contributo alle imprese per i costi affrontati in merito alle misure di contenimento del Covid. Approverà, poi, un piano straordinario di potenziamento degli organici Asur dei Servizi per la prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro. «Il tutto – ha sottolineato il presidente Ceriscioli – sempre in un’ottica non certo repressiva, ma di accompagnamento e supporto per una ripresa in assoluta sicurezza». Asur Marche metterà a disposizione la piattaforma web Marche Prevenzione per raccogliere le segnalazioni da verificare prioritariamente. «Sarà accessibile ai firmatari – ha detto Nadia Storti – e raccoglierà anche i Protocolli aziendali anti-contagio che le imprese dovranno inviare e ospiterà le risultanze delle attività di vigilanza. Forniremo anche assistenza e informazione attraverso sportelli dedicati e materiali divulgativi». Anci Marche, da parte sua, sensibilizzerà gli Enti locali sui servizi alle famiglie, promuovendo una loro rimodulazione in base alle nuove disposizioni: «Abbiamo fatto tutto tutti insieme – sono le parole di Mangialardi – Un lavoro di pianificazione calata nel territorio e condivisa con le Amministrazioni, una regia unica e una contaminazione positiva locale che è stata l’arma vincente per affrontare la pandemia ed essere oggi nelle condizioni di avviare protocolli capaci di garantire alle nostre famiglie di ripartire in sicurezza».

Un protocollo accolto con grande soddisfazione da tutte le parti sociali firmatarie del protocollo.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.