Banner Aprile IH Victoria

Fisica o Quimica?

Fisica o chimica (Física o Química) è una serie televisiva spagnola prodotta dalla Ida y Vuelta Producciones e trasmessa in Patria sul canale Antena 3 dal 4 febbraio 2008, mentre in Italia ha debuttato il 4 settembre 2010 sul canale Rai 4. La serie parla delle vite di alunni e professori in un liceo “Zurbaràn”, in pratica la storia ha quando il coordinatore docenti assume quattro giovani insegnanti per la scuola: l’atletico Jonathan per educazione fisica, l’insicura Blanca per lettere, il figlio del coordinatore, Rocco, per arte e la tosta Irene per filosofia. “Purtroppo Irene” cita la trama “il giorno prima di iniziare il lavoro di insegnante è andata a letto con un ragazzo, Isaac, che si rivela essere un suo studente e con il quale inizia una relazione segreta. A scuola vengono presentati gli studenti, tra cui il bullo Gorka, l’idealista Cova e il popolare Julio, ma uno di loro, l’insicuro Ruben, a causa della morte di un suo amico dopo una serata brava, si suicida gettando la classe nello sconforto”.

La serie, molto vista in Spagna ma ad oggi ferma per mancanza di fondi, ha sollevato in Italia (e lievemente in patria) un polverone quando Francesco Borgonovo, giornalista di Libero, ha criticato l’alto tasso di scene di sesso promiscuo e di droga presenti nel telefilm, definendole inappropriate per un daytime e invocando puritanamente Lorenza Lei per ripulire il servizio pubblico (cosa che avvenne la settimana dopo). Oggi la serie è visibile su youtube fino alla sesta stagione.

In realtà la serie non è niente di più che una serie diretta a ragazzi liceali, registicamente simile alla più famosa Beverly Hills 90210, la folgorante (ma anche no) serie statunitense mandata in onda tra il 1990 e il 2000. I colori, i tagli d’inquadratura, le vicende sono quelle, girate e ammodernate in uno stile elaboratamente finto. Fisica o Quimica, come Beverly Hills, vorrebbe colpire parlando di temi delicati come droga, AIDS, sessualità, alcool e omosessualità, ma non va oltre all’insieme di luoghi comuni e azioni scontate legate a quell’età. Non è di certo uno specchio sociale che fotografa una generazione della quale scandalizzarsi, ma forse in fondo è giusto così.

 

Giuseppe De Lauri

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.