«Fitness solidale» per i sanitari impegnati nel covid, l'idea del trainer Melon | Password Magazine

«Fitness solidale» per i sanitari impegnati nel covid, l’idea del trainer Melon

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Iniziativa a sfondo sociale dedicata a chi per professione si prende  cura degli altri: parte “fitness solidale”, progetto ideato dal personal trainer Andrea Melon.

Come spesso si dice, dal bene nasce il bene ed è proprio questo il caso dell’iniziativa lanciata dal giovane Andrea che ha voluto donare la sua esperienza a sostegno del personale medico sanitario.  «Voi vi prendete cura di tutti noi, ma chi si prende cura di voi?» questa è la domanda da cui parte l’idea.

Ma andiamo a capire meglio di che cosa si tratta proprio con Andrea Melon.

Ciao Andrea, come nasce questo tuo progetto?

«Tutto è nato da un messaggio che mi ha mandato Marika, un’infermiera che alleno già da mesi, che raccontava di essere stanchissima dopo tante ore di lavoro. Grazie ad alcuni miei consigli, messi in pratica, aveva però recuperato le energie. Da qui lo stimolo di creare qualcosa di personale che aiutasse lo staff medico a svagarsi e a concentrarsi sulla propria salute, perché purtroppo in questo periodo non si avverte più quel sostegno che si era fatto tanto sentire durante la prima ondata di pandemia nei confronti degli operatori sanitari. E allora io, nel mio piccolo, ho deciso di provarci».

Melon 2

Che cosa prevede la consulenza?

«La consulenza è gratuita e si fa tramite videochiamata e si focalizza sull’individuazione degli obiettivi da raggiungere e sullo stato attuale di fitness e di salute. Faccio fare quindi sei test fisici pratici, indago sulla loro storia, se ci sono stati degli interventi, o se sono presenti delle particolari problematiche di cui tener conto. Concluso questo primo step, ci sarà una seconda videochiamata in cui spiegherò la scheda degli esercizi e invierò anche un video in cui ci sono io mentre eseguo l’esercizio completo: questo è molto importante per evitare gli errori più comuni e soprattutto per avere la memoria sempre fresca sulla giusta esecuzione dell’esercizio. Una volta finita la scheda, dopo poche settimane, si fa un test fisico per verificare com’è andata».

A chi è rivolta l’iniziativa?

«A tutto il personale sanitario dell’ospedale Carlo Urbani di Jesi, ai volontari e dipendenti della Croce Rossa e Croce Verde di Jesi. È un’iniziativa a sostegno di tutti gli operatori, per prendermi un po’ cura di voi, nel mio piccolo: a voi dedicherò tutta la mia professionalità».

 

Per info e prenotazioni: 393/1094581

 

Locandina

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.