Fondazione Carisj, nasce l'Aggregato culturale di Palazzo Bisaccioni | Password Magazine
Festival Pergolesi

Fondazione Carisj, nasce l’Aggregato culturale di Palazzo Bisaccioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Aggregato culturale di Palazzo Bisaccioni, questa mattina illustrato da Alfio Bassotti e Mauro Tarantino, rispettivamente presidente e segretario generale CarisJ, ai sindaci di Jesi e Senigallia

JESI – Una struttura di oltre 4 mila metri quadrati nata dall’unione degli edifici di Palazzo Bisaccioni e Case Calvani: è l’Aggregato Culturale di Palazzo Bisaccioni, un polo realizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi per dare risposte diversificate ad una realtà sociale altrettanto variegata e composita. Grazie a un investimento di ben 1 milione e mezzo di euro per sostenere lavori edili, effettuare adeguamenti e abbattimento delle barriere, acquistare  attrezzature, arredi e installazioni tecnologiche, l’aggregato è in grado di offrire musei, sale espositive e plurifunzionali – quest’ultime adatte sia per le opere che fotografiche che per la proiezione di documentari illustrativi e descrittivi, come quelli di proprietà degli eredi di Giovanni Olivieri – biblioteche monotematiche, archivi.

20200618_114259 20200618_112720

La struttura è già sede dello storico caveau della ex Cassa di Risparmio di Jesi e dell’archivio storico e fotografico. Si aggiungono poi due sale riunioni da 100 posti ciascuna, una da 40 posti, altre quattro da 25/30: sette sale che saranno in grado di ospitare dibattiti, gli incontri in Fondazione, conferenze stampa, presentazioni librarie, stage per studenti, riunioni associative, corsi formativi, assemblee. Allestiti poi una sala fonica, per l’ascolto della raccolta discografica in vinile dell’associazione Angeletti, un ufficio per la produzione di materiale audiovisivo, una sala per attività di coworking, spazi per le associazioni del territorio. Infine, la Carisj si è occupata di completare il risanamento delle cripte e delle gallerie sotterranee collocate nel seminterrato con accesso da via Costa Lombarda: spazi che oltre ad ospitare il museo dell’arte orafa jesina saranno impiegati, sulla bande di un bando di concorso di idee, per il loro utilizzo. Suggestiva poi la stanza che ospita ruderi dell’antico teatro romano.

Aggregatore culturale
Gallerie sotterranee che diventeranno spazi per il Museo dell’Arte Orafa
teatro romano
I resti dell’antico teatro romano

20200618_113326

Ad illustrare questa mattina la realizzazione dell’Aggregato il presidente della Fondazione Carisj Alfio Bassotti e il Segretario generale Mauro Tarantino: presenti all’incontro membri del consiglio di amministrazione, i sindaci dei Jesi e Senigallia Massimo Bacci e Maurizio Mangialardi, giornalisti. «La struttura entrerà completamente in funzione non appena le norme di comportamento anti covid lo consentiranno – ha spiegato Bassotti -. Palazzo Bisaccioni, che già ospita la nostra fondazione e il suo museo, diventa oggi un polo culturale che utilizza la partecipazione di più soggetti al fine di coinvolgerli nelle iniziative e nelle attività programmate, consentendo loro di poter usufruire gratuitamente di nostri spazi per realizzare, direttamente o in collaborazione, le iniziative dagli stessi pianificate». Ospitalità, ingressi e assistenza gratuiti anche per i turisti che intendono visitare le sale espositive. Un nuovo inizio dunque per l’Aggregato di Palazzo Bisaccioni che, con le varie attività promosse, ha già visto salire i visitatori dai 175 del 2014 ai 18.500 del corrente anno.

20200618_105257

«Una sfida – conclude Bassotti – di cui ci eravamo fatti carico al momento del nostro insediamento, con la necessità da un lato di superare il collasso economico della Fondazione attraverso una decisa azione di consolidamento finanziario e dall’altro di avviare un processo di riqualificazione in grado di generare un’attività associativa aperta, cristallina, partecipata e coinvolgente».

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.