Fondazione CRJ, presentate le attività per il 2022. | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Fondazione CRJ, presentate le attività per il 2022.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI-  «Il 2022 sarà l’anno in cui avremo la possibilità di poter intervenire non solo in ambito culturale, ma occupandoci anche delle reali esigenze e dei reali bisogno del territorio e dei cittadini» è con queste parole che oggi, il presidente del CDA della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi ingegner Paolo Morosetti, insieme al segretario generale dottor Mauro Tarantino e al consigliere dottor Agostino Valentini, ha presentato il programma di azione della Fondazione per il corrente anno.

Due sono i progetti volte ad alleviare problemi inerenti i bisogni primari del territorio.

Il primo pone l’attenzione su una piaga sociale dai risvolti drammatici per il tessuto sociale ed economico del paese, quello dei NEET, ovvero giovani che abbandonano gli studi e che rifiutano anche l’opportunità di trovare un lavoro, rimanendo di fatto inattivi. Si stima che in Italia siano circa 2 milioni i giovani tra 15 e 29 anni in questa situazione e anche il territorio della Vallesina e della Valle del Misa sembra non esserne esente. Per cercare di aiutare questi ragazzi, favorendone un reinserimento attivo nella vita comunitaria, la Fondazione promuove un opera di collaborazione tra associazioni, imprese e istituzioni che coinvolga un numero massimo di 10 ragazzi da aiutare e sostenere.

Il secondo progetto in ambito sociale, di contrasto alla povertà trae origine dal perdurare della crisi economica che insieme alla pandemia da covid 19 ha acuito la vulnerabilità della popolazione. Questo intervento prevede la pubblicazione di un bando pubblico rivolto ad enti assistenziali che operano nel territorio, dell’importo di 50 mila euro per il finanziamento delle loro attività a sostegno dei più bisognosi.

Ovviamente, gran parte dell’attività della fondazione è però da ricercare in ambito culturale. Continua infatti, attraverso il progetto Restauri, l’attività di recupero del patrimonio artistico con un bando pubblico, che uscirà a gennaio dall’importo di 20 mila euro. Questa attività prosegue ormai da 7 anni con la restaurazione di 57 opere per un investimento complessivo di 217 mila euro.

Grande importanza avrà quest’anno, nell’ambito delle attività della Fondazione, la figura di Sergio Angeletti, medico, giornalista e apprezzato divulgatore scientifico che ha donato, attraverso il presidente Morosetti, oltre 3000 libri di hanno datazione variabile tra il 1500 e il 1900. Alcuni di questi libri sono stati classificati come “pezzi unici” dal sistema nazionale che ha riconosciuto cosi come non ve ne siano altri al mondo. Durante il 2022 si procederà alla catalogazione dei libri e alla loro sistemazione, ciò come sottolineato dal presidente Morosetti avrà un costo in termini organizzativi molto alto ma molto basso in termini economici.

Il 2022 vedrà inoltre la riproposizione del concorso utopie di bellezza, in memoria di Giuliano de Minicis già organizzato nel 2021, che ha visto la partecipazione di 146 talenti provenienti da tutta Italia e anche da fuori. Quest’anno il concorso verterà sull’arte fotografica.

Fotografia che è al centro della collaborazione tra Fondazione e Comune di Senigallia per l’organizzazione di mostre fotografiche, che è stata riproposta e confermata anche quest’anno.

Nel 2022 sarà inoltre ampliata l’area di concessione di spazio espositivo di Palazzo Bisaccioni, resasi necessaria vista la forte domanda di persone che vogliono promuoversi e dare visibilità al loro lavoro.

A fine anno è inoltre prevista una grande mostra a Palazzo Bisaccioni con le opere della preziosa collezione di Gallerie d’Italia, il più importante polo culturale italiano di proprietà di Banca Intesa, con cui la fondazione ha avviato un’importante collaborazione. A questo proposito è il segretario generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, dottor Mauro Tarantino ad esprimere orgogliosa soddisfazione: «Una realtà cosi importante come le Gallerie d’Italia che viene a Jesi è un immensa soddisfazione perchè è un importante riconoscimento di tutto ciò che è stato fatto fino ad ora».

Tutte le attività sono finanziate direttamente dalla Fondazione, che nonostante le difficoltà, si dimostra un ente economicamente e strutturalmente solido e presente.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.