Fondazione Pergolesi Spontini, ieri la Commissione sul bilancio | | Password Magazine

Fondazione Pergolesi Spontini, ieri la Commissione sul bilancio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è svolta ieri pomeriggio, la Commissione pubblica sulla questione relativa alla Fondazione Pergolesi Spontini, nel corso della quale si è discusso dell’offerta e dei bilanci per la stagione teatrale 2018.

Riuniti intorno al tavolo le commissioni competenti dei Comuni di Jesi e Maiolati, i rispettivi sindaci Massimo Bacci e Umberto Domizioli, presidente e vicepresidente nel Cda della Fondazione, e la dott.ssa Lucia Chiatti, responsabile amministrativa della Fondazione Pergolesi Spontini.

Chiusi i conti in rosso del 2017, il programma per la Stagione teatrale 2018 è stato rimesso in piedi: «È stato convocato un tecnico esterno per la verifica dei conti. Ci sono tutte le premesse per affrontare la problematica» ha detto Domizioli.

Ammonterebbe a 400 mila euro il debito dichiarato ieri in aula: sarebbe stato di 600 mila se Rigoletto non fosse stato spostato da novembre 2017 al gennaio dì quest’anno.

Poi la Chiatti, attraverso un breve excursus dei bilanci degli anni passati, ha illustrato i progetti futuri, in perfetta linea con le esigenze ministeriali: «Uno degli obiettivi è quello di concepire il Teatro e la Fondazione Pergolesi Spontini come un Ente Pubblico, un servizio al territorio e alla cittadinanza, tenendo conto delle erogazioni Ministeriali – afferma, riferendosi in particolare ad un decreto del 2014, nel quale il Ministero dice di voler puntare sulla quantità e sulla leggerezza degli appuntamenti- Per questo si sta aprendo un panorama multidisciplinare, contaminato da nuove realtà teatrali. Pur in un contesto economico più difficile, ci sono stati più appuntamenti teatrali: attualmente 25».

Un programma teatrale nuovo quindi, che guarda ai desideri di un pubblico anche giovane, che si avvicina agli istituti superiori locali con nuovi progetti, uno dei quali è “InBanco”. Non solo, ma anche collaborazioni con il Conservatorio di Pesaro, con l’Accademia delle Belle Arti di Macerata e con l’Accademia Lirica di Osimo. Una valorizzazione per quanto riguarda giovani e bambini quindi, risorse importanti per il futuro.

Inoltre, altra risorsa preziosa da tenere in conto, unica per la Regione Marche, è la presenza del laboratorio scenografico interno alla Fondazione.

Dichiarati inoltre come progetti fratelli quelli che coinvolgono il Rossini Opera Festival di Pesaro e lo Sferisterio di Macerata.

Con queste premesse, Massimo Bacci ha rassicurato dicendo: «La differenza tra costi e ricavi è di 170.000 euro reali nel 2017. Siamo riusciti a riequilibrarlo tra 2017 e 2018 senza richiedere ulteriori contributi previsti, continueremo a cavarcela. Abbiamo molte risorse, facciamo entrare il Comune non solo in territorio di bilancio, ma anche per nuove progettazioni».

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.