Banner Aprile IH Victoria

Fondazione Pergolesi Spontini, PD Jesi: «Conti in rosso, bilancio da risanare»

JESI – Fondazione Pergolesi Spontini, conti in rosso? I consiglieri comunali del PD Osvaldo Pirani, in rappresentanza del gruppo consiliare, ed Emanuela Marguccio hanno depositato quest’oggi in Comune due interpellanze in merito alla vicenda balzata sui titoli della stampa locale che ha riguardato la Fondazione Pergolesi Spontini e il risanamento del bilancio.

«Premesso che, la Fondazione Pergolesi Spontini riceve cospicui contributi dal FUS erogati dal Ministero per  le attività di sua competenza e che la 50esima Stagione Lirica di Tradizione iniziata al Teatro delle Muse di Ancona con la messa in scena di due Opere (Carmen e Barbiere di Siviglia), dovrà invece  essere modificata nella nostra  città a causa dei conti in rosso della Fondazione Pergolesi Spontini – si legge nel documento  presentato da Pirani – si chiede quali sono le principali motivazioni economico-gestionali che obbligano la Fondazione Pergolesi Spontini a posticipare il “Rigoletto” a Jesi  ed a penalizzare la Stagione Lirica, vanto della nostra città».

L’interpellanza chiede delucidazioni anche su «la situazione finanziaria della Fondazione Pergolesi Spontini, visto che ci si trova costretti a posticipare il Rigoletto al fine di attribuirne i costi al bilancio del prossimo anno», interrogando il sindaco Massimo Bacci, in veste di presidente della Fondazione, se «appare ancora opportuno, visti i risultati economici  che stanno emergendo, mantenere la stessa scelta direzionale in termini di merito e di metodo» e se «considerate le concrete difficoltà riscontrate ed evidenziate anche dall’impossibilità di mantener fede agli impegni programmati nei tempi previsti, verrà presa in considerazione la possibilità di entrare a far parte della costituita Rete Lirica Regionale».

Secondo quanto riportato nel documento, infatti, i Teatri di Jesi e di Ancona sono rimasti isolati dalla Rete Lirica Regionale, nata nel 2014  e cresciuta per «garantire la compatibilità economica delle attività liriche, il mantenimento dell’alta qualità della produzione e la capacità di programmazione a lungo termine al fine di rientrare nei complessi parametri ministeriali che consentono di ricevere i contributi dal FUS». Alla Rete fanno parte, dalla sua costituzione, i Teatri di lirica ordinaria di Ascoli, Fano, Fermo, nonché il Teatro di Tradizione di Macerata, il Rossini Opera Festival e la Form.

La seconda interpellanza, presentata da Emanuela Marguccio, che ha come oggetto  “Teatro Pergolesi, un grande Teatro di Tradizione da non perdere”,  mira a far chiarezza sui rapporti con gli altri enti teatrali e, in particolare, sul gemellaggio Jesi-Ancona.

La Marguccio interroga il sindaco su quali sono le motivazione che escludono l’Orchestra Filarmonica Marchigiana  e il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini dalla 50esima Stagione Lirica di Tradizione della nostra città;  se il Teatro Pergolesi riuscirà a mantenere i parametri richiesti per essere considerato ancora dal Ministero un Teatro di Tradizione ed a ricevere il relativo finanziamento, nonostante  il mancato rispetto di una programmazione di  lungo periodo e la rinuncia a collaborare con importanti Istituzioni riconosciute a livello regionale e  nazionale; quali sono i vantaggi del gemellaggio tra il nostro Teatro di Tradizione ed il Teatro delle Muse di Ancona per  la città di Jesi.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.