«La casa di Ivan», il progetto presentato in Comune: «Aiutiamolo» | Password Magazine
Festival Pergolesi

«La casa di Ivan», il progetto presentato in Comune: «Aiutiamolo»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Trovare una casa è un punto di inizio, non la fine di un progetto» ha detto Maria Pina Masella, responsabile dell’Area Disagio 2020 per l’Asp, durante l’incontro di presentazione “La Casa di Ivan” della Fondazione Vallesina Aiuta Onlus di Jesi, svoltosi svoltosi questa mattina nella Sala del Consiglio Comunale di Jesi alla presenza fra gli altri del Sindaco Bacci e di Elisa Di Francisca. Il progetto in questione si sta sviluppando da più di un anno – in collaborazione col Comune di Jesi – per aiutare Ivan, un ragazzo romeno di 35 anni affetto da sordomutismo e che, purtroppo, vive a Jesi senza fissa dimora.

La storia. Ivan è arrivato a Jesi nel luglio del 2018 portato da un sindaco – non specificato – di un altro comune, sperando che a Jesi, visto le tante associazioni, potesse esserci maggiori speranze di assistenza. «Da settembre di quell’anno – spiega Maria Pina Masella – Ivan è stato seguito dalla nostra realtà e per noi è diventata la più grande scommessa professionale, mi sento di dire data 1 a 10. Stiamo cercando una casa per questo ragazzo che in questi anni ha incontrato tante sfortune, e riesce a vivere grazie alla carità e alla gentilezza dei volontari dell’Asp (Azienda Pubblica Servizi Persona, ndr): lo sfamano con un panino, gli offrono un caffè o una fetta di torta. Ma le preoccupazioni sono aumentate».

«Nonostante ci siano stati contatti con molti privati per trovargli una sistemazione – spiega Masella – spesso le persone si sono tirate indietro. Ivan è innocuo, ha problemi a relazionarsi. Cerca solo una sistemazione per iniziare a lavorare: senza fissa dimora, non può essere inserito nemmeno come tirocinante. Anche perché in Romania ha svolto diversi lavori come falegname, giardiniere o attività edilizie. La nostra sfida è trovargli un tetto per almeno un anno, così che possa essere inserito nel tessuto sociale cittadino».

L’Assessore ai Servizi Sociali Maria Luisa Quaglieri ha presentato il progetto dicendo: «Questa è sia una campagna di sensibilizzazione verso Ivan che un progetto volto a cercare una soluzione. Ivan rappresenta una categoria di persone disabili e dobbiamo lavorare per migliorare la sua inclusione sociale».

bacci difra
Il sindaco Massimo Bacci e la presidentessa della Fondazione Elisa Di Francisca durante l’incontro in Comune.

Per eventuali tutele e responsabilità Ivan è seguito da Maila Mattiola, avvocato che il Tribunale d’Ancona gli ha affidato ufficialmente come amministratore di sostegno  «In pratica, i miei ruoli sono quelli di un tutor» ha spiegato Maila a Password.

Le difficoltà per l’Asp non sono certo poche, ma il progetto sembra andare avanti. Un orizzonte felice che fa sorridere anche l’attuale giunta comunale, che come spiega il sindaco Bacci: «A un anno e mezzo dalla chiusura di questa amministrazione, sono incrementate e migliorate le attività a sfondo sociale della nostra città. Il lavoro della Fondazione è sotto gli occhi di tutti e ne siamo orgogliosi». Un coro di positività a cui si unisce anche quello della presidentessa della Federazione, Elisa Di Francisca, che presente all’incontro ha ribadito: «Il mio impegno per quest’attività è massimo e faccio quello che riesco. Con Ivan non ci sono stati mai problemi o denunce, la nostra è una buona causa».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.