«Fondi PNRR, a Jesi una Casa della Comunità? Bel progetto ma complesso» - Password Magazine

Festival Pergolesi

«Fondi PNRR, a Jesi una Casa della Comunità? Bel progetto ma complesso»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Ben vengano gli investimenti dichiarati  sulla stampa dalla Regione  in merito alla progettazione della sanità regionale sulla base dei fondi stanziati nel PNRR, sicuramente necessari a potenziare quella sanità territoriale che ha rappresentato il vero anello debole durante le ondate di pandemia da covid. Detto questo non possiamo non mostrare perplessità sulla reale fattibilità dei progetti annunciati, a nostro avviso belli sulla carta ma complessi nella loro realizzazione».

Così il Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi, dopo la deliberazione da parte della giunta regionale per la programmazione sanitaria in attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e in tema di Reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale. Con l’approvazione della relativa delibera è stato definito anche il quadro degli investimenti: oltre 68 milioni di euro sono destinati alla sanità territoriale. In particolare, a Jesi, è prevista la realizzazione di una Casa della Comunità con lo stanziamento di 500 mila euro.

La Casa della comunità ha la funzione di hub di prossimità per le cure primarie e per i supporti sociali e assistenziali.

«Secondo i dati di AGENAS (Agenzia Nazionale per i servizi Sanitari Regionali) le Case della Comunità o della salute (una di queste prevista a Jesi) queste strutture devono prevedere un organizzazione  che non può prescindere da un infermiere di famiglia ogni 2000/3000 abitanti , 1 unità speciale di continuità assistenziale notturna e festiva H24 7 gg su 7, medici di famiglia che devono afferire alla casa H12 6 gg su 7( oltre a garantire assistenza individuale ai propri assistiti) e poi ancora fisioterapisti , psicologi, logopedisti, tecnici di riabilitazione e di radiologia  – fa sapere il coordinatore del TDM Pasquale Liguori – Tutto questa organizzazione dovrà prevedere anche nuova tecnologia , digitalizzazione della sanità e manager con competenze specifiche. La domanda che noi cittadini ci poniamo è: ma se ad oggi questa Regione non è stata capace di garantire il ripristino del personale mancante delle unità operative, mettendo a rischio la sopravvivenza di alcuni servizi, se nessuna azione di abbattimento delle liste di attesa è stata messa in atto, se ancora oggi stiamo aspettando che si attivi il Fascicolo Sanitario Digitale, possiamo dare credibilità alla realizzazione di questi nuovi progetti ? Ai posteri l’ardua sentenza, visto che i citati progetti saranno portati a termine, se tutto va bene, non prima di  tre o quattro anni. Quello che già oggi ci sentiamo di contestare a questo  Piano della Regione è l’aver lasciato fuori dai 6 progetti sull’emergenza territoriale il PS di Jesi. Sono anni che chiediamo l’ampliamento degli spazi della struttura, l’ASUR aveva preso impegni precisi in tal senso, oggi ASUR stanzia appena 500.000 per ricavare alcuni spazi in più che non risolveranno gli annosi problemi di riservatezza, privacy e sicurezza dei percorsi, eppure però in corso di pandemia il PS di Jesi è stato il primo ad accogliere anche pazienti covid di altre realtà territoriali. Sindaco, Assessore e Giunta di Jesi si facciano sentire».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.