Fondo Asilo Immigrazione e Integrazione, terzo in Italia il progetto provinciale gestito dall'ASP | | Password Magazine

Fondo Asilo Immigrazione e Integrazione, terzo in Italia il progetto provinciale gestito dall’ASP

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’Asp Ambito 9 che  ha partecipato al bando nazionale per il Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (F.A.M.I.) arrivando terzo in Italia tra quelli finanziati dal Ministero dell’Interno con il progetto provinciale E-Quality. Si tratta di un’iniziativa volta a migliorare le capacità delle pubbliche amministrazioni di interfacciarsi con i cittadini dei paesi terzi, di rispondere in modo adeguato alle richieste dell’utenza, di attivare percorsi istituzionali di ascolto dei bisogni e di rinnovarsi in base alle criticità. Tradotto in euro si è aggiudicata 298mila euro per 14 mesi di attività di fondi statali e europei. Tra le 93 domande pervenute da tutta Italia solo dieci sono state accolte. Il progetto vede la collaborazione di Ambito Territoriale Sociale 12 di Falconara Marittina, Ambito Territoriale Sociale 11 di Ancona, Ambito Territoriale Sociale 13 di Osimo, l’unione Montana Esino Frasassi, l’Ambito Territoriale Sociale 8 di Senigallia, Azienda Sanitaria Unica Regionale Area Vasta 2, Coos Marche Onlus e Anolf Marche. Esso prevede attività di formazione degli operatori pubblici preparati a trattare con gli immigrati, l’istituzione delle figure di mediatore culturale e operatore per l’integrazione volti ad accompagnare il migrante nell’accesso ai servizi, attivare semplificazioni come Whatsapp e Skype che, una volta iscritti, consentono di ricevere informazioni utili per trovare lavoro o seguire corsi di formazione ad esempio, attivare tavoli per individuare bisogni e trovare risposte. “Quella del servizio Whatsapp e Skype è un servizio innovativo – ha spiegato Sergio Mosconi presidente Asp – Per fornire a queste persone informazioni utili che altrimenti avrebbero difficoltà a reperire. Va anche detto che il servizio pubblico ha bisogno urgente di personale formato in questo senso. Il fenomeno migratorio è per lo più visto come un problema, io credo che progetti come questo vogliano farlo vedere come una risorsa”. Gli operatori pubblici interessati sono circa 400, circa 300 i questionari che verranno sottoposti ai cittadini dei paesi terzi. In provincia i cittadini stranieri non in regola con il permesso di soggiorno sono circa 1400.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.