Fontana dei Leoni, bocciato referendum in Consiglio comunale | Password Magazine

Fontana dei Leoni, bocciato il referendum in Consiglio comunale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Bocciata la proposta di referendum, respinta da 14 consiglieri su 25 presenti in Consiglio comunale.
La pratica, presentata dai gruppi d’opposizione PD e Jesi in Comune non ha trovato il consenso dei 3/4 dei consiglieri.
A votare a favore 10 consiglieri tra cui i promotori e poi Claudia Lancioni (M5S), Marco Giampaoletti (Gruppo Misto) e dalla maggioranza anche Chiara Cercaci (Jesiamo); astenuta invece Gianna Pierantonelli (Patto X Jesi), contrari il resto della maggioranza e la consigliera di Forza Italia Silvia Gregori.

La richiesta di un referendum consultivo, depositata il 10 novembre con la domanda «Vuoi tu che il Comune di Jesi, in adempimento da quanto previsto nel testamento del signor Cassio Morosetti, proceda allo spostamento della fontana con i leoni e l’obelisco da Piazza Federico II a Piazza della Repubblica, lasciandola lì per sempre?», era risultata regolare agli uffici e dunque ammessa alla dibattito in aula consiliare con conseguente votazione.

Il dibattito, Bacci: «Referendum, i tempi stretti lo renderanno inutile»

Al centro del dibattito, subito i due nodi centrali della questione: costi e tempi. Una spesa di 75 mila euro massimo per indire il referendum – hanno rilevato gli uffici -, circa 150 giorni per traslare la fontana dei leoni in piazza della Repubblica e differimento delle consultazioni elettorali, stante la situazione pandemia, entro il 31 marzo 2021 così come stabilito da decreti legge del Governo. Fattori determinanti per il sindaco Bacci che definisce «pleonastico un referendum che non sortirà nessun effetto nel caso in cui prevalessero i pareri favorevoli allo spostamento perché non ci sarebbe poi il tempo materiale per realizzare l’opera».
Concetto ribadito anche da altri consiglieri della maggioranza come Tommaso Cioncolini secondo cui «l’indizione stessa del referendum è impedimento della scelta, la questione non è quella relativa ai costi ma i tempi che non permettono questo tipo di consultazione» o Maria Chiara Garofoli che ha parlato di «responsabilità che compete dunque ai consiglieri eletti». Contraria al referendum anche Silvia Gregori, all’opposizione con Forza Italia, che ha criticato l’utilizzo del referendum da parte dei due gruppi politici promotori «come volano per le prossime elezioni amministrative», precisando che anche altre questioni, come ad esempio la vicenda del biodigestore, avrebbero meritato allora una consultazione referendaria. Infine, l’assessore Roberto Renzi ha reso noto il parere, arrivato all’ultimo momento, rilasciato della Soprintendenza, risultato favorevole per lo spostamento della fontana in piazza della Repubblica «ritenuto che la collocazione originaria sia rilevante per la sua valorizzazione».

I promotori del referendum: «No a spostamento della fontana senza il consenso della città»

Dall’altra parte i promotori del referendum con Lorenzo Fiordelmondo (PD) che precisa: «Il desiderio di Morosetti non si incastra in alcun modo con una precedente proposta dell’Amministrazione né era nel programma dei Lavori pubblici, è opportuno allora rivolgersi alla città e noi riteniamo che tutta la città debba dare una risposta. In questa progettualità manca infatti l’elemento del consenso». Altro nodo discusso il vincolo del «per sempre» imposto dal fumettista, che donerà i 2 milioni alla città se il monumento resterà in piazza della Repubblica per l’eternità, condizionando dunque anche le amministrazioni future. Per la consigliera Agnese Santarelli (Jesi in Comune): «La fretta non deve imporre di accettare a prescindere;  è vero Cassio Morosetti ha lasciato a Jesi a 2 milioni di euro alla città ma vanno rispettate anche le volontà di chi non ha 2 milioni di euro». Anche perché, aggiunge Emanuela Marguccio (PD) «Non sono denari che andrebbero sprecati ma saranno devoluti in beneficenza, così come disposto nel testamento. Come facciamo a scegliere per sempre che quella piazza non si sposterà mai più? E senza neanche un referendum? I costi della democrazia si pagano». E aggiunge Andrea Binci (PD): «Si vanno a modificare due piazze fondamentali della città e l’Amministrazione non avverte la necessità di interpellare i cittadini? Il referendum consultivo in questo caso è la via maestra». Favorevoli al referendum i consiglieri Claudia Lancioni (M5S) perché «la volontà di una sola persona non può ricadere su tutta la comunità» e Marco Giampaoletti che ha ribadito quanto per lui sia un valore fondamentale «l’ascolto di tutti» sulle questioni che riguardano la città.

Con il referendum respinto, il Consiglio comunale è chiamato ad esprimersi sull’accettazione o meno del lascito di Morosetti, al successivo punto dell’ordine del giorno. I promotori potranno comunque ancora decidere di raccogliere 2 mila firme tra i cittadini necessarie per una nuova proposta referendaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.