Fontana verso il trasloco, striscioni dai balconi per protesta | Password Magazine
Lulù  

Fontana verso il trasloco, striscioni dai balconi per protesta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Cantieri nelle due piazze principali della città. In piazza Federico II la fontana è stata scomposta, con le leonesse smontante, imballate e pronte per il trasferimento in piazza della Repubblica, secondo il volere del noto vignettista Cassio Morosetti.  Ci sarà tempo fino al 21 luglio per completare l’operazione e riportare la fontana zampillante là dove richiesto dal fumettista, pena la perdita del lascito testamentario di due milioni di euro che andranno a beneficio di tre realtà solidali.

Piazza della Repubblica

In piazza della Repubblica, intanto, sono iniziati gli scavi intorno al mosaico del leone e tutta l’area è stata transennata. «A 119 giorni dalla scadenza indicata nel lascito. Senza una risposta certa su quale fine farà il mosaico del leone rampante – insorge il comitato spontaneo di cittadini contro lo spostamento sulla pagina Pizza Libera -. Nonostante le indicazioni della Soprintendenza ad oggi non ci sono gli incarichi di progettazione delle due piazze, pavimentazione e studi illuminotecnici». Sulla questione è pronta anche un’interrogazione del consigliere comunale di Jesi in Comune Samuele Animali: «Premesso che non risultano approvati progetti di risistemazione delle due piazze interessate – si legge nel documento -, che la fontana verrà posizionata in un punto diverso da dove attualmente si trova il mosaico (incrocio delle diagonali presenti sulla pavimentazione), che comunque verrà rimosso; non verrà riprogettata Piazza Federico II, ma soltanto ripavimentata la parte oggi sottostante la fontana si chiede se i fatti illustrati siano veri e, nel caso, quale sia il cronoprogramma dello spostamento (consegna del cantiere, data inizio lavori, data termine lavori ecc.) e della realizzazione dell’assetto definitivo delle due piazze».

Intanto, dopo l’intervista rilasciata dal sindaco Massimo Bacci a Selvaggia Lucarelli su Radio Capital, Piazzalibera promuove #unostriscioneinognibalcone, evento dalle 15 di sabato alle 20 di domenica: «Visto che secondo lui siamo Pochi, pochissimi ad essere contrari – dicono -. Il Comitato promotore del referendum invita i cittadini e le cittadine, le associazioni e i partiti di minoranza, chiunque sia contrario allo spostamento della fontana e abbia ascoltato l’intervista del Sindaco, a dare un segnale forte in risposta a questo atteggiamento propagandistico».

 

Banner-Montecappone
Montecappone

1 Commento su Fontana verso il trasloco, striscioni dai balconi per protesta

  1. Un sindaco dovrebbe lavorare per il futuro di una città, per la sua bellezza , dovrebbe proteggere la città dalle basse speculazioni o dalle idiozie di qualche ben pensante che crede , dopo morto, di poter mettere in scacco un’intera comunità perché purtroppo ha la possibilità di pagare… ma è ancora più sciocco e mediocre chi si lascia assoggettare da certe bassezze perché non vede otre il proprio naso. Sarebbe stato molto più utile se quel denaro fosse stato utilizzato per restaurare il palazzo, lo scalone e il bellissimo Museo Colocci che stanno cadendo a pezzi ; questo poteva essere il vanto di un sindaco che rispetta il pensiero di una intera comunità conosce il valore dei beni che amministra nella propria città. Tanti potevano essere i beni da restaurare nella nostra città . Bastava chiedere alla famiglia di quel bizzarro personaggio e magari insieme a loro provare a recuperare con quel denaro una piccola parte di patrimonio artistico, paesaggistico culturale della nostra città. Avremmo avuto maggiori considerazioni di un sindaco e di una intera giunta se tutti loro, di fronte ad un simile ricatto, avessero avuto il coraggio di rinunciare a quel lascito per tutelare la bellezza della nostra città che è anche il futuro di ogni città…ma per fare questo ci vuole Coraggio , Intelligenza, Lungimiranza, buon senso e e di Tanta, Tanta Cultura ….e non aggiungo altro. Ho la sensazione che quello scempio che oggi state facendo su due piazze simbolo della città tra qualche anno dovremo porvi di nuovo rimedio e purtroppo spendendo ulteriori soldi pubblici. Jesi non merita questo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.