Forza Italia in Consiglio con Gregori, Lucaboni: «È tradire il mandato elettorale»

JESI – «Tradire il mandato elettorale è tradire la funzione stessa che si va ad esercitare».

Così Massimiliano Lucaboni, ex candidato sindaco commenta la notizia del passaggio della consigliera Gregori alla bandiera di Forza Italia: «Credo che non meglio di così si possa spiegare quanto accaduto in consiglio comunale a Jesi. La nascita del gruppo consiliare di Forza Italia seppur rappresenta, paradossalmente, una cosa positiva, visto che rispetta quanto da me promesso in campagna elettorale, è però difficile da considerare una vittoria. Quando una cosa o situazione nasce da un tradimento nasce già di per sé con la sconfitta nel cuore. Tanto più quando si pugnala alle spalle tutte quelle persone che ti danno fiducia e che da te vogliono sentirsi rappresentare. Fare i voltagabbana può dare al momento una certezza ma a lungo andare quando si ritorna al corpo elettorale si paga lo scotto. Certo quanto accaduto può forse, avere un senso se si guarda alla storia e al presente degli attori protagonisti. Un consigliere comunale, Silvia Gregori, cacciata dalla Lega e in cerca di una ricollocazione politica da una parte e, dall’altra, un movimento politico Forza Italia in forte crisi di consensi senza più iscrizioni in cerca di una qualche legittimazione. E se si comprende il reso che comunque andrà a Forza Italia difficile è da capire il perché una persona metta in gioco la sua credibilità passando sopra il rispetto del proprio mandato ma soprattutto usando quei 600 voti presi non da lei, ma dalla Lega, e li usi a proprio uso e consumo per ambizione personale. È un peccato veramente. È un peccato per la politica, è in peccato per la democrazia rappresentativa insomma è una sconfitta un po’ per tutti».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.