Fucilazione dei partigiani Panti e Magnani, ripristino della lapide commemorativa | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Fucilazione dei partigiani Panti e Magnani, ripristino della lapide commemorativa

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ripristino della lapide commemorativa e del luogo della fucilazione dei partigiani Panti e Magnani: una proposta rivolta anche agli studenti e che è oggetto della mozione presentata dal consigliere comunale Lorenzo Fiordelmondo del Partito Democratico da discutere in sede di Consiglio comunale, il prossimo 30 aprile.

«L‘8 febbraio 1944 un plotone di fascisti al comando del console Gardini fucilò Magnani Armando, partigiano, sotto il muraglione del brefotrofio di Via Delle Orfane/Via XX settembre ed il suo corpo resterà abbandonato sul luogo dell’esecuzione fino a sera; il giorno dopo, il 9 febbraio 1944, nello stesso luogo venne fucilato Primo Panti, muratore jesino, anch’esso partigiano, catturato in un rastrellamento a Staffolo; nel luogo dell’esecuzione è presente una lapide commemorativa in marmo; sul muro in cui furono uccisi i due partigiani e su cui poggia oggi la lapide, sono ancora visibili i grossi fori dei proiettili risalenti al momento della loro fucilazione» si legge nel documento.  La mozione intende impegnare sindaco e Giunta «a dare impulso ad un progetto di riqualificazione del luogo della fucilazione dei Partigiani Panti e Magnani, verificando altresì la possibilità di rendere partecipi, di tale impegno, gli studenti del Liceo Artistico “Edgardo Mannucci” affinché, attraverso il loro estro giovanile e le loro capacità artistiche, possano conferire maggior lustro alla traccia storico culturale, ancora presente nella nostra città» dato che «la lapide commemorativa ad oggi risulta non in perfette condizioni; le tracce della fucilazione dei due partigiani, ancora rinvenibili e ben visibili in loco, sono elementi in grado di raccogliere un tratto autentico della storia della nostra comunità cittadina, in occasione dei difficili momenti che precedettero la sua liberazione; la cultura democratica e l’educazione alla memoria della Resistenza sono strettamente connesse ed alimentano i valori dell’educazione alla  pacifica convivenza civile; la vicenda è riportata anche quale fatto saliente nella pubblicazione dal titolo “L’anno più lungo – (25 luglio 1943 – 20 luglio 1944)” di Giuseppe Luconi, importante giornalista e memoria storica della nostra città» .

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.