FurgonCinema: i ragazzi di Aristoria in tour nelle terre del cratere sismico | Password Magazine

FurgonCinema: i ragazzi di Aristoria in tour nelle terre del cratere sismico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
I ragazzi di Aristoria

REGIONE – L’Associazione Culturale Aristoria nasce nel maggio 2017, all’indomani del terremoto del 2016, da quindici ragazzi tra i 18 e i 30 anni che hanno messo le loro energie a disposizione delle comunità colpite dal sisma. Tra le loro proposte c’è in primis FurgonCinema, un cinema itinerante che anima le serate estive nelle piazze del cratere. Hanno all’attivo anche il documentario “FURGONCINEMA Viaggio nelle terre mutate”, raccolta di storie di vita attraverso la voce delle persone terremotate, a breve in uscita. Ci racconta l’esperienza Lorenzo Montesi, Presidente dell’associazione.

Quando e come nascono Aristoria e FurgonCinema?

«L’evento scatenante è stato il terremoto del 2016. All’epoca studiavo a Modena e, come gli altri ragazzi che poi avrebbero fatto parte con me di Aristoria, avvertivo che non c’era una coscienza dell’entità del sisma delle Marche nel resto d’Italia. Abbiamo sentito di dover dare un contributo anche con poco, creando un gruppo dalla forte vocazione umanistica di storici e filosofi, ma anche grafici, architetti, avvocati e informatici. È nato quindi FurgonCinema: il cinema itinerante la sera, grazie al suo potere d’evasione e di condivisione al contempo, avrebbe potuto dare una parvenza di normalità nei comuni del cratere. Bastavano un proiettore, un impianto audio e le licenze necessarie. Nostro obiettivo è aumentare l’offerta culturale della zona in una sorta di “cinema di una volta” nei paesini dell’entroterra. Volevamo far si che i cittadini riprendessero le piazze, anche grazie a una sana risata».

Che tipo di film avete proposto nella vostra programmazione?

«Soprattutto musical e commedie, sia italiane che estere. Abbiamo cercato di dare un’offerta eterogenea valida per tutti. Un ostacolo alla libera scelta dei film è però la disponibilità di licenze, diritti d’autore e distribuzioni. Con altre realtà italiane che come noi fanno cinema all’aperto abbiamo fatto presente la difficoltà nel reperire film. Molti sono stati i dinieghi ricevuti, tuttavia ci siamo uniti facendo fronte comune» .

Quali sono nello specifico i Comuni interessati dove avete proiettato i film?

«Camerino in primis per la presenza dell’Università come presidio culturale, ma anche Fiastra, Bolognola, Visso, Ussita, Arquata, Pescara del Tronto, Corridonia, Gualdo di Macerata e Matelica, sede ufficiale dell’associazione. Solo nei primi due anni abbiamo fatto delle proiezioni “fuori regione” a Norcia ed Amatrice. Soprattutto però ci siamo concentrati sulle Marche, con l’obiettivo di ridare voce alla zona meno mediatica» .

 

Lorenzo Montesi
Lorenzo Montesi, Presidente di Aristoria

Quali sono stati i partner che v’hanno maggiormente sostenuto?

«Unicam è stato il primo partner a credere nel progetto, aiutandoci anche nel reperimento del proiettore, di proprietà della scuola di architettura di Ascoli Piceno, datoci in prestito per il periodo estivo. Anche il furgone era inizialmente dell’Università, in comproprietà con l’ufficio tecnico comunale. Il secondo anno abbiamo ricevuto aiuto dallo Spi Cgil sia delle Marche che della provincia di Macerata. Abbiamo poi chiesto a sindaci, amministrazioni e Pro Loco delle località sismiche e, con una raccolta fondi tra partner, abbiamo dato un buon contributo anche con pochi mezzi».

 In cosa consiste invece la raccolta fondi?

«Lanciata a fine marzo, durerà fino al 23 maggio, si tratta di una raccolta fondi per farci aiutare da tutte le persone, soprattutto privati, che hanno dimostrato di volerci sostenere. Attraverso il sito www.eppela.com, chiunque voglia può scegliere la donazione che preferisce, nella formula del “Dona un chilometro a FurgonCinema” (10 euro per ogni chilometro percorso), contribuendo ad essere “la benzina” per gli spostamenti del cinema itinerante» .

Altro importante progetto è il documentario di cui siete autori: di cosa si tratta?

«L’attività di FurgonCinema ha avuto una ricaduta culturale tale da portarci a raccogliere interviste e racconti del pre- e post-sisma in un documentario di volti e voci, titolato “FURGONCINEMA Viaggio nelle terre mutate”, che permetta la conservazione della memoria orale. La proiezione gratuita serale nelle piazze è stato infatti un modo per intercettare queste persone che abitano nei comuni del cratere e conoscerle. In questi 3-4 anni abbiamo registrato interviste e contributi video dal basso, ma anche dall’interno di un cantiere culturale che è stato oggetto di un’ingente perdita di risorse artistico-culturali. Un docufilm di 64 minuti con 3 anni di riprese, montato nel quarto anno e che verrà presentato nel quinto, dove non c’è mai la voce del narratore fuori campo di Aristoria, dove si lasciano parlare le fonti, le persone. La co-regia è mia e di Luca Barchiesi, filmmaker che ci ha molto aiutati nel montaggio».

 

Quali saranno i prossimi appuntamenti?

«Ripartirà la manifestazione estiva nei weekend, con gli spettacoli serali dal venerdì alla domenica, da luglio fino a Ferragosto. Quest’anno inoltre è il nostro quinto compleanno, un anniversario che non ci aspettavamo. Irrobustiremo gli eventi, ad esempio con la presentazione ufficiale del nostro documentario» .

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.