Furti in Vallesina, dieci casi nell'ultima settimana | Password Magazine

Furti in Vallesina, dieci casi nell’ultima settimana

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Carabinieri

JESI – Con l’arrivo della bella stagione, torna l’allarme in Vallesina per i furti in appartamento e nelle aziende. Complice il caldo, che invoglia a tenere le finestre aperte, ma anche il tempo libero trascorso fuori casa, vuoi per una vacanza vuoi per passare qualche ora di svago all’aria aperta. Sono circa una decina i casi di furto o tentato furto registrati dai carabinieri nell’ultima settimana, nel territorio di Jesi e dintorni. Una media di uno o due episodi al giorno.
I “topi” approfittano dell’assenza degli inquilini per introdursi nelle abitazioni e rubare quello che trovano, anche magri bottini. Negli ultimi giorni, la refurtiva di maggior valore è stata di 100 euro, la minima di 20. I ladri sfruttano le situazioni di bassa attenzione per mettere a segno il colpo: le fasce d’orario d’azione sono collocabili intorno alle 13-14, quindi in pieno giorno.

Particolarmente attenzione va agli anziani, vittime privilegiate di questi malfattori: si tratta di truffe o raggiri messi in atto come l’espediente dello “specchietto” o dell'”abbraccio” ma anche con il trabocchetto del “falso avvocato o notaio” che avvicina la vittima chiedendo l’esborso di denaro come risarcimento per un presunto danno subito ed evitare “peggiori” ripercussioni.

Per questo motivo, dal 1 luglio, i carabinieri della Compagnia di Jesi intensificheranno ancora di più i controlli sul territorio della giurisdizione, in un’ottica di prevenzione, facendo sentire i cittadini ancora più sicuri.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.