Furto alla Casa delle Donne, l'associazione: "Ridateci quel vecchio computer" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Furto alla Casa delle Donne, l’associazione: “Ridateci quel vecchio computer”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Crediamo nel buon cuore, nel buon senso e nelle storie a lieto fine”. Questa la speranza della Casa delle Donne, di Jesi, il servizio di ascolto e aiuto alle donne che subiscono maltrattamenti e violenze. Un appello rivolto a chi si è impossessato di un vecchio portatile Asus sparito dalle stanze dove si svolge il servizio circa una settimana fa, come conferma la presidente Maria Traclò: “C’era una volta un piccolo pc portatile Asus di poco valore economico ma di enorme impiego per le operatrici dello sportello, utile a garantire un prezioso servizio alle donne che subiscono violenza – si legge in un post su Facebook, nella pagina del gruppo – C’era una volta e oggi non c’è più. Probabilmente non lo ritroveremo mai, ma come facciamo con chi cerchiamo di aiutare, noi non perdiamo la speranza e ci proviamo comunque. Chi se n’è impossessato a piazzarlo ci farà ben poca cosa, a usarlo farà prova di pazienza vista la lentezza mentre per noi volontarie il suo uso e il suo incepparsi non hanno prezzo. Così, chi ora impropriamente lo tiene, può restituirlo, noi l’aspettiamo lì dove l’ha preso, può lasciarlo in una busta al nostro portone o trovare qualunque altra modalità per ridarcelo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.