Furto alla palestra di via Asiago, la Polizia interviene e arresta il ladro


JESI – Si camuffava da sportivo per potersi intrufolare indisturbato negli spogliatoi della palestra e fare bottino. Ieri sera, intorno alle 21.30, nella palestra di via Asiago, gli agenti della stazione locale di Polizia di Stato, coordinati dal Commissario Antonio Massara, hanno tratto in arresto S.A. , 32 anni, originario di Ostra Vetere ma residente a Jesi, colto in flagranza di reato mentre scappava con la refurtiva.
Il fare sospetto del ragazzo, con indosso “una felpa gialla e zainetto”, era già stato segnalato al Commissariato di Jesi qualche ora prima mentre gironzolava nei dintorni del Palazzetto dello Sport. Poi il giovane si era spostato ed era arrivato alla palestra di via Asiago dove era in corso una partita di calcetto. A chi cercava di avvicinarlo per sondare i motivi della sua presenza, il giovane rispondeva di essere lì per richiedere informazioni. Il primo ad insospettirsi il custode che, non convinto, si è rivolto alla Polizia. Nel frattempo, terminata la partita, alcuni giocatori tornati negli spogliatoi non trovavano più il loro portafogli. Qualcuno aveva frugato negli armadietti, tra i vestiti appoggiati sulle panche, nelle borse. E mentre stavano iniziando anche gli allenamenti del Gruppo Sbandieratori del Palio di San Floriano, gli agenti del Commissariato entravano nella palestra e fermavano S.A., colto nel tentativo di fuggire con la refurtiva nascosta nello zainetto: nel bottino complessivamente qualche centinaia di euro, buoni pasto e una card poste pay.  “Negli ultimi tempi, le segnalazioni di furti avvenuti negli impianti sportivi erano diventate piuttosto frequenti – spiega il Commissario Antonio Massara – A seguito di questi fatti, avevamo incrementato le attività di controllo. Stiamo ancora valutando se il giovane arrestato ieri sera sia anche l’autore dei furti commessi nelle altre palestre della città”.
L’arresto è stato convalidato ed S.A. sconterà una pena di 8 mesi di reclusione.

(Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*