Furto e poi inseguimento, l'auto dei carabinieri tamponata dai banditi | | Password Magazine

Furto e poi inseguimento, l’auto dei carabinieri tamponata dai banditi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Nel corso della notte ignoti mediante l’utilizzo di polvere pirica, hanno fatto esplodere lo sportello ATM dell’istituto di credito UBI MARCHE di via Achille Grandi di Ancona, asportando tutte le banconote ivi contenute per un valore ancora in corso di quantificazione.

Sull’utenza “112” attestata presso il Comando Provinciale dei Carabinieri è scattato l’allarme automatico. Sul posto è intervenuto immediatamente un equipaggio della Sezione Radiomobile della Compagnia di Ancona, che intercettava sulla SS16 un’autovettura sospetta, un’Alfa Romeo Giulietta bianca – poi risultata rubata – con a bordo due soggetti di sesso maschile. Gli occupanti, nonostante l’alt imposto dai militari, non si fermavano, allontanandosi a forte velocità.  Ne scaturiva un inseguimento al fine di arrestarne la marcia. Per ben due volte e, rispettivamente, lungo la suddetta statale e in questa via Pontelungo, i malfattori – simulando di fermarsi – ingranavano la retromarcia e tamponavano l’autovettura di servizio nella parte anteriore fino a quando giunti lungo una strada sterrata di Via Candia, tallonati a breve distanza dai militari, abbandonavano il veicolo e repentinamente si dileguavano tra le campagne circostanti.

Sul posto sono tate fatte confluire  numerose unità del Comando Provinciale di Ancona  per la ricerca degli ignoti, a cui hanno partecipato anche volanti della locale Questura,  sinora senza esito. Nel portabagagli dell’Alfa Romeo è stato rinvenuto l’“ariete” con cui è stato sfondato un vetro della banca.

I due militari, a bordo dell’autoradio incidentata, sono stati soccorsi da personale del 118; presso l’ospedale di Torrette gli sono state diagnosticate contusioni guaribili in 10 e 7 gg..

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.