Furto nel cantiere edile, in cinque nei guai incastrati dalle spycam | | Password Magazine

Furto nel cantiere edile, in cinque nei guai incastrati dalle spycam

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Nello scorso fine settimana, il Commissariato della Polizia di Stato di Jesi e la Squadra Mobile della Questura di Ancona hanno eseguito cinque perquisizioni domiciliari delegate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona a Jesi ed in Vallesina, nell’ambito di un procedimento penale che ha preso vita da un importante furto di attrezzi da cantiere commesso a Jesi nello scorso mese di agosto.

In quell’epoca, un imprenditore edile jesino si era rivolto al Commissariato di Jesi denunciando l’asportazione furtiva, occorsa durante la notte di ferragosto, di demolitori, smerigliatrici, trapani, set di cacciaviti professionali e  motoseghe per un valore complessivo superiore a 5000 euro, non assicurato.
Le indagini attivate nella immediatezza unitamente alla Squadra Mobile, sollecitate da specifiche direttive del Questore di Ancona che, sono risultate subito laboriose soprattutto per la mancanza di testimoni: le abitazioni prossime al cantiere, infatti, erano prive dei loro occupanti in ragione della partecipazione agli  eventi  della vigilia del ferragosto programmati in questa Provincia.
Tuttavia, dall’incrocio dei dati acquisiti da alcune telecamere posizionate nei nella zona industriale – artigianale di Jesi, gli  investigatori sono risaliti ad alcuni soggetti (un italiano e quattro di origine romena) che, nel corso del tempo, avevano avuto relazioni di tipo professionale con l’azienda del derubato e, di conseguenza, potevano essere in possesso di informazioni utili alla commissione del furto. I cinque sospetti, tra l’altro, risultavano essere organicamente legati tra loro da collaborazioni in ambito
lavorativo e frequentazioni nel tempo libero.
A seguito dell’indagine la  locale Autorità Giudiziaria emetteva i decreti di perquisizione locali che venivano eseguiti impegnando 7 autopattuglie ed oltre 20 uomini della Polizia di Stato degli Uffici citati.
Nel corso delle operazioni, iniziate alle 5 di mattina, in due delle abitazioni si è concretizzato un parziale recupero della refurtiva: gli operatori della Polizia di Stato hanno anche proceduto al rinvenimento di elementi utili alla prosecuzione delle indagini (telefoni cellulari, ricevute di pedaggi autostradali ecc.).
Tutti i soggetti indagati (tre dei quali non nuovi agli schedari delle Forze di Polizia) sono stati condotti al Commissariato di Jesi per essere fotosegnalati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.