Fusione tra Maiolati, Castelplanio e Poggio San Marcello.

La proposta arriva dal sindaco di Maiolati Spontini Giancarlo Carbini.  Cinque Comuni invece degli attuali quattordici, tutti con più di 5.000 abitanti e con omogeneità di territorio, tradizione e storia. Come? Fondendo Maiolati Spontini con Castelplanio e Poggio San Marcello, Castelbellino con Monte Roberto, Serra San Quirico con Mergo e Rosora, Cupramontana con Staffolo e San Paolo di Jesi e, infine, Montecarotto con Serra de’ Conti.

L’idea, messa nero su bianco in una lettera inviata ai primi cittadini interessati, parte dal sindaco Giancarlo Carbini. Nel caso che lo riguarda direttamente, ha già formalizzato la proposta ai Comuni di Castelplanio e Poggio San Marcello “di valutare l’inizio – scrive nella missiva inviata ai colleghi Luciano Pittori e Tiziano Consoli – del percorso di fusione con Maiolati Spontini”. Per gli altri dieci Comuni, rivolge ai sindaci il “consiglio a fare altrettanto. Con l’assoluta libertà e la disponibilità, anche da parte nostra, a valutare diverse modalità di aggregazione”. Il sindaco Carbini ci tiene a sottolineare come la sua “non sia una proposta improvvisata ma seria e concreta, in considerazione anche del fatto che oggi siamo in grado di guidare il processo, di gestirlo da protagonisti attivi, dando un vero segnale alle istanze che giungono da più parti di riorganizzare i servizi dei Comuni nell’ottica di ridurre i costi e aumentare l’efficienza e l’efficacia e la qualità della vita dei nostri cittadini”.

Al termine della lettera, Carbini si dichiara “fiducioso che i colleghi Pittori e Consoli siano disponibili a valutare la proposta e a definire insieme un tavolo tecnico e un percorso per valutarla a fondo, coinvolgere i rispettivi Consigli comunali prima e tutti i cittadini poi”. Insomma, l’intenzione del sindaco è passare quanto prima alla fase della valutazione e della fattibilità di un percorso che dice di aver “meditato e ponderato”. Niente affatto una provocazione, quindi, ma “una proposta concreta per Castelplanio e Poggio San Marcello” e un “franco consiglio”, come lo definisce, per gli altri Comuni.

Come sia maturata in lui l’ipotesi fusione con i centri vicini, Carbini lo spiega in modo approfondito e articolato nella lettera ai colleghi.

“La situazione dei piccoli Comuni – scrive il sindaco di Maiolati Spontini – è oggi ben difficile e sempre di più lo sarà in futuro. Processi di riorganizzazione, ottimizzazione, aggregazione, consorziamento o altre forme, diventeranno da una parte indispensabili, dall’altra obbligati. Maiolati Spontini con la sua popolazione superiore ai 5.000 abitanti potrebbe per ora non prendere in considerazione il problema. Credo però che sia sempre di più necessario guardare al territorio e ‘governare il cambiamento’, anticipando i tempi. E pensando al nostro territorio non è possibile non pensare ai 12 Comuni del CIS e a quelli immediatamente vicini e già parzialmente integrati come Serra de’ Conti. Non è possibile, ad esempio non pensare a come Maiolati Spontini sia strettamente ‘incernierato’ con Castelplanio e, sembra strano ad una prima analisi ma è la realtà dei fatti, con Poggio San Marcello”. Fra gli elementi evidenziati dal sindaco, il fatto che “una fetta all’interno di Moie, Pozzetto, è territorio del comune di Castelplanio e costituisce un’unica comunità rafforzata anche dal fatto che fa parte della stessa parrocchia. Percorrendo la strada Montecarottese per raggiungere la zona della discarica di Moie, la maggior parte del territorio è dei comuni di Poggio San Marcello e Castelplanio. Aggiungiamo la zona industriale e commerciale di Pozzetto che è fulcro di tutto il territorio e soprattutto di Moie. Aggiungiamo infine che i tre Comuni fanno parte dello stesso Istituto comprensivo e tante altre considerazioni, non ultima la normativa che, da quest’anno per il comune di Castelplanio e dal 2014 per quello di Poggio San Marcello, prevede l’organizzazione dei servizi fondamentali con altri Comuni per il primo e addirittura la sostanziale fusione in una mini-unione con San Paolo di Jesi per il secondo”.

Da qui la proposta di fusione e il consiglio agli altri dieci sindaci “sottolineando e rispettando – ci tiene a precisare Carbini – l’autonomia decisionale di ogni singolo Comune”.

Comunicato da: Comune di Maiolati Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*