“Futuro. Infinito”, un XIX Festival Pergolesi Spontini per tutti i gusti

JESI – “Futuro. Infinito” è il titolo del XIX Festival Pergolesi Spontini, la rassegna internazionale che si terrà dal 31 agosto al 28 settembre a Jesi, organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini e formato per la prima volta sotto la direzione artistica del compositore Cristian Carrara.

Presentato presso l’Istituto Marchigiano di Enogastronomia di Jesi, il XIX Festival Pergolesi Spontini “Futuro. Infinito” vuole essere una riflessione sul futuro, sulle radici storiche su cui si fonda e soprattutto sulla propensione verso l’infinito che è il tema principale su cui ogni evento della rassegna si basa e riproposto attraverso punti visuali differenti: «Non posso che ringraziare tutte le persone che lavorano alla Fondazione perché senza di loro non ci sarebbe nessun programma. Il tema del Festival spero che risuoni nella comunità, l’Infinito inteso come quella cosa bella che fa uscire l’uomo da sé, la siepe di Leopardi che ti apre alle possibilità dell’infinito. Tutto ciò attraverso l’arte e la musica che aiutano a porsi le domande – commenta Cristian Carrara, Direttore Artistico Fondazione Pergolesi Spontini – e ogni spettacolo ha una diversa location perché ogni musica ha il suo luogo, l’offerta è divisa in target in modo tale che tutti possano avere delle serate ad hoc». In cartellone ci sono 28 eventi, di cui 2 prime mondiali, 2 co-produzioni, 3 nuove commissioni, 5 eventi per tutta la famiglia, rappresentati in 10 location diverse, un festival a tutto tondo che vuole intrattenere tutti, dai più piccini ai più grandi: «Abbiamo intrapreso nell’ultimo anno una nuova strada che porterà a grandissimi risultati perché la Fondazione ha messo in campo tutta una serie di iniziative che vedono la città protagonista – commenta il sindaco di Jesi, Massimo Bacci – stiamo andando nella giusta direzione». Per la buona riuscita della rassegna, un ringraziamento va anche al comune di Maiolati che è parte attiva dell’organizzazione: «Anche se gli anni scorsi non sono stati facili per la Fondazione, siamo giunti alla 19esima edizione con un programma interessante e ricco, con le caratteristiche popolari e le location apprezzate dalla comunità e questa è un’ottima ripartenza – commenta Umberto Domizioli, Sindaco Comune di Maiolati Spontini e Vicepresidente Fondazione Pergolesi Spontini – in bocca al lupo a Cristian che è riuscito in breve tempo a mettere insieme questo eccezionale programma».

Pensato per incontrare pubblici e gusti differenti, con 150 artisti di cui 65 under 35 ed 1 robot, il Festival propone svariati target: al Festival con mamma e papà: cantafavole, musical e social opera, tra robotica e clownerie; Vivaldi e Pergolesi: tra antiche sonorità e variazioni elettroniche; virtuosismo classico; dal jazz ai confini del pop; non solo musica: arte, poesia, astronomia, danza ed enogastronomia. «Cibo, vino, musica, tutto ciò che ci può dare questo bellissimo territorio dovrebbe andare di pari passi – commenta Alberto Mazzoni, Direttore dell’Istituto Marchigiano di Enogastronomia – Jesi è la capitale del cibo e del vino nelle Marche e quindi non potevamo non collaborare insieme anche a tante realtà del territorio. Il mondo del vino è lieto di partecipare a queste iniziative perché dobbiamo lavorare in modo trasversale. Grazie per aver scelto questa location e in bocca al lupo a tutti!». Si tratta di un Festival pensato anche per la valorizzazione del nostro territorio: «Si è creato un bellissimo clima per questo nuovo programma che è l’espressione di come le attività del comune di Jesi e di Maiolati vogliano proprio sovrapporsi e integrarsi con tutto quello che il nostro territorio sa offrire e sa utilizzare come marchio per la propria identità», commenta Luca Butini, Assessore alla Cultura di Jesi.

Anche Lucia Chiatti, Amministratore Delegato della Fondazione Pergolesi Spontini, è orgogliosa del buon lavoro fatto per la rassegna: «Sono emozionata per questo nuovo percorso intrapreso e speriamo che questo nuovo Festival venga apprezzato dalla comunità».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*