Gaspare Spontini, celebrazioni per il 165esimo anniversario dalla morte | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Gaspare Spontini, celebrazioni per il 165esimo anniversario dalla morte

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – L’Amministrazione comunale di Maiolati Spontini e la Fondazione “Gaspare Spontini” organizzano, nel 165esimo anniversario della morte, le celebrazioni in onore di Gaspare Spontini. Il grande compositore maiolatese viene ricordato dalle istituzioni e dalla comunità del piccolo centro collinare come “maestro e benefattore”. Un omaggio, quello al genio ammirato da Wagner, che nel suo paese natale si materializza anche nella toponomastica, con le vie e le piazze dedicata alle sue opere e ai compositori a lui contemporanei, nel Parco Colle Celeste, intitolato all’amata moglie, e nella casa-museo.

Il prossimo 24 gennaio, cioè nell’anniversario della morte, avvenuta il 24 gennaio 1851, ci sarà una cerimonia di commemorazione dedicata al Maestro. Alle ore 11,30, nella chiesa parrocchiale di Santo Stefano, sarà celebrata la Santa Messa in suffragio, cui seguirà la benedizione della salma nella chiesa di San Giovanni, annessa all’Ospizio di carità Spontini. Il trasferimento nella chiesa avverrà in corteo, con le note della Marcia funebre tratta dal III atto de La Vestale, eseguita dalla Società Filarmonica Gaspare Spontini. La commemorazione si concluderà, quindi, nella tomba del Maestro.

La cerimonia sarà presenziata dal sindaco Umberto Domizioli, dal presidente della Fondazione Gaspare Spontini Paolo Perticaroli e dal neo sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi, Letizia Troiano. La ricorrenza, insieme a quella del 14 novembre, giorno della nascita, vede la partecipazione dei cittadini di Maiolati Spontini, degli alunni delle scuole e per la prima volta anche degli anziani ospiti della Casa di riposo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.