Gene Gnocchi: "La comicità è ovunque, basta scoprirla". Stasera debutto al Pergolesi con Alice Bellagamba | Password Magazine
Festival Pergolesi

Gene Gnocchi: "La comicità è ovunque, basta scoprirla". Stasera debutto al Pergolesi con Alice Bellagamba

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – A tu per tu con Gene Gnocchi, a poche ore dallo spettacolo che lo vedrà protagonista, insieme ad Alice Bellagamba, al Teatro Pergolesi,  per lo spettacolo “Il Gene dello Sport. Tutto quello che avreste voluto sapere sullo sport e avete osato chiedere” per le celebrazioni di “Jesi città europea dello sport 2014″.

Il comico emiliano Gene Gnocchi non smentisce la sua fama di “rompi-pallone”, ironizzando sul calcio ed i suoi protagonisti. Calcio e non solo: sul palcoscenico del Teatro Pergolesi, il popolare comico non risparmierà nessuno.

Gene, che impressione ti sei fatto di questa Jesi “Città Europea dello Sport”?

“Molti campioni sono nati qui: Roberto Mancini, Luca Marchegiani e poi ovviamente le stelle della scherma. Non posso che pensar bene di una città che mostra interesse per l’attività sportiva”.

Come nasce il “Gene dello Sport”?

“Lo spettacolo trae origine da una raccolta di pezzi pubblicati nell’omonimo libro. C’è un fatto: il libro raccoglie gli interventi e le interazioni con i lettori di Sportweek, dove curo da dieci anni una rubrica di satira.

I lettori si divertivano ad interrogarmi su gli argomenti più assurdi, chiedendomi di discipline particolari come lo squash, la lotta di sumo, golf, la Parigi-Dakar… ed è finita che, per rispondere alle domande, mi ritrovavo ad indagare sugli aspetti più comici di questi sport, tanto da ricavarne materiale per farne un libro”.

 E dal libro, sei passato al teatro …

“Il tema è sempre lo sport, visto e reinterpretato da me che, oltre ad essere un esperto, sono anche un comico. Anche qui, mi aspetto che il pubblico mi chieda delle cose, che ci sia interazione … magari potrà essermi da spunto per qualche nuovo sketch”.

 Come si legano sport e comicità?

 “Ogni cosa ha un lato comico basta solo scoprirlo. Allo stesso modo, lo sport può essere rivisto sotto un’ ottica divertente. Mi è bastato depurarlo dall’aspetto agonistico, sentimentale, di passione, per osservarne gli aspetti più esilaranti”.

 Come nasce la collaborazione con Alice Bellagamba?

 “Cercavo una persona che potesse interloquire con me durante lo spettacolo e così ho pensato ad Alice. Non ho mai lavorato con lei, è una cosa che succederà li e andrà benissimo”.

 Il personaggio dello sport  di Jesi che più ti ha colpita.

 “Roberto Mancini. Lo conosco e lo apprezzo molto. Lui che, ai tempi dell’Inter, mi aveva anche assicurato che avrei potuto esordire in serie A se Moratti fosse stato d’accordo”.

 Gene Gnocchi tu sei anche un ex calciatore. Il gene dello sport ce l’hai nel sangue …

 “Sì, ho giocato a calcio da giovane. Poi ho continuato sempre a tenermi in forma, svolgendo regolare attività fisica. Ultimamente, ho subito un intervento al ginocchio e sono in riabilitazione ma tornerò quanto prima a fare sport”.

La comicità è un atto di coraggio, in questi periodi … in cui forse si è un po’ troppo seri?

“La comicità è veramente l’antidoto, è la messa tra parentesi di tutte le situazioni incontrovertibili che possono essere svelate e rivelate. È l’invito a non prendersi troppo sul serio!Il tempo a disposizione è breve, cerchiamo di viverlo serenamente”

Cosa ti aspetta dopo Jesi?

“C’è un nuovo libro, un romanzo, che uscirà a fine ottobre. E prima ancora, la preparazione della mia striscia quotidiana sui mondiali di Calcio. E poi chissà…il resto è tutto da definire”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.