«Gente» e la quarantena. Una rubrica in dialetto jesino | | Password Magazine

«Gente» e la quarantena. Una rubrica in dialetto jesino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Consigli in dialetto jesino. Sono quelli che ha dato ai migliaia di followers in tutta Italia del settimanale Gente, il giornalista Luca Angelucci. Nelle ultime settimane, il profilo Instagram della nota rivista, all’hashtag #iorestoacasa, si è arricchito di video dedicati alle attività utili a riempire i vuoti della quarantena, realizzati dai giornalisti di Gente, con estro e un pizzico di autoironia. E a ridosso dell’imminente riapertura di lunedì 4 maggio, lo jesino Luca Angelucci, con tanto di profilo di San Settimio alle spalle, a firma Gino Candolfi, si è rivolto al suo natìo borgo nelle Marche, invitando gli ex concittadini alla prudenza. Ovviamente, e non poteva essere altrimenti, nell’idioma autoctono: «Allora ragazzi, non famo sciapade!».

Un divertente siparietto, a base di consigli, vibranti della più autentica saggezza nostrana, resi intelligibili, urbi et orbi, dalle vere star del breve filmato, i tre figli del nostro Luca: Alessandro, Francesca e Lorenzo, che hanno tradotto in forbito italiano le summe della nostra sapienza. Già collaboratore di varie testate locali, come il Corriere Adriatico, Luca vive e lavora a Milano da vent’anni, dopo essere stato, prima di trasferirsi in Lombardia, cronista del Messaggero di Ancona. Il padre Gianni è una delle più consumate firme della pagina sportiva del Resto del Carlino di Ancona. E Luca torna a Jesi, di tanto in tanto, proprio per ritrovare quelli che ora va di moda chiamare i congiunti, il padre Gianni, per l’appunto, e la mamma Lioria, nonché gli amici. Che dire, Luca? Sei «stado brao muntobè!».

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.