Gestore unico rifiuti, i sindacati: "Basta giochi politici, andiamo avanti" | | Password Magazine

Gestore unico rifiuti, i sindacati: “Basta giochi politici, andiamo avanti”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di erpertorio

ANCONA – Rifiuti in provincia di Ancona, i sindacati chiedono che si superi la fase di stallo e si trovi il coraggio di arrivare al gestore unico, progetto virtuoso e ambizioso. Le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil esprimono preoccupazione per quanto sta accadendo in merito alla costituzione del gestore unico dei rifiuti per la provincia di Ancona: “Sembrava un’operazione sulla via della conclusione, invece gli ulteriori ritardi che ci sono stati pongono forti dubbi e perplessità sulle volontà politiche: il tutto infatti è stato rinviato a data da destinarsi. Ulteriori ritardi che appaiono dettati, più che da questioni tecniche, da visioni politiche diverse (e magari egoistiche) tra Comuni e tra alcuni di essi e l’ATA: in barba a qualsiasi visione di lungo periodo. Il tempo, in questi casi, non gioca a favore: facendo anzi una debolezza politica del territorio, nonché del ruolo di sintesi della stessa Assemblea ATA. Il gestore unico dei rifiuti è un disegno politico ambizioso quanto virtuoso: un progetto industriale che finalmente risponde sia alle esigenze dei cittadini – in quanto si va verso un servizio sempre più puntuale ed efficiente – sia alle esigenze del mondo del lavoro, visto che rappresenta una garanzia di stabilità occupazionale di qualità del lavoro, con le necessarie tutele del caso. Un progetto perciò che per il sindacato è irrinunciabile. Quello a cui si è assistito in questi mesi è apparso invece come un gioco politico poco chiaro, tra i vari attori che devono costituire questo nuovo soggetto industriale. Se l’operazione dovesse fallire si aprirebbe uno scenario pericoloso e di difficile gestione: non solo sul lato occupazionale ma anche del servizio. Forse, chi ha il potere di decidere non ha valutato tutti i rischi emergenti. Primo fra i quali quello di una brutale privatizzazione dalla quale il territorio non avrebbe nulla da guadagnare né in efficienza né in tariffe;né, tanto meno, in salvaguardia dell’occupazione. Il sindacato, perciò, oltre a mettere in guardia sui rischi, fa appello a tutte le parti in gioco affinché si trovino le soluzioni di sintesi capaci di superare lo stallo attuale. Il 2018 deve essere l’anno d’avvio della nuova Azienda Unica provinciale pubblica per la gestione dei rifiuti nella provincia di Ancona”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.