Gestori di un bar beccati con la droga, un arresto e due denunce | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Gestori di un bar beccati con la droga, un arresto e due denunce

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Nel pomeriggio di ieri, il personale della Squadra Mobile della Questura di Ancona, nel corso di un’articolata attività  investigativa,  ha tratto in arresto per il reato di detenzione  di 160 grammi di cocaina e alcuni grammi di hashish, E.E. italiano di 44 anni, pluripregiudicato (con precedenti per rapina, furto, detenzione di armi, droga, lesioni ecc.). Nel medesimo contesto operativo veniva altresì denunciata per detenzione  di alcuni grammi di cocaina, la sua compagna (R.B. di anni 42, italiana anch’essa con numerosi precedenti) nonchè il figlio di questa, per Favoreggiamento Reale (essendosi disfatto del grosso quantitativo di cocaina su indicazioni del padre putativo E.E.).

Da mesi i poliziotti della Squadra Mobile stavano attenzionando ogni singolo movimento della coppia, titolari di un noto esercizio pubblico della zona. Già dalle prime ore della mattinata di ieri, diversi agenti della sezione Antidroga si erano appostati per bloccare l’uomo con un presunto carico di cocaina. Solo nel tardo  pomeriggio, dopo diverse ore di attesa, i poliziotti riuscivano a intercettare E.E. nella via che lo conduceva verso casa e qui veniva bloccato e avvisato che sarebbe stata effettuata a suo carico una perquisizione domiciliare.

Consapevole di nascondere in casa un cospicuo  quantitativo di cocaina, E.E. anticipava le operazioni di ricerca degli Uomini della Squadra Mobile consegnando spontaneamente solo qualche grammo di hashish nascosto in casa ma garantendo, nel contempo, di consegnare anche altra droga nascosta presso il bar dove si trovava la compagna con la quale gestisce il pubblico esercizio.

Tuttavia, prima di lasciare l’appartamento per raggiungere il bar scortato dai poliziotti, l’uomo si rivolgeva al figlio della compagna riferendogli qualche indicazione codificata che insospettiva i poliziotti. Infatti, non appena l’autovettura di servizio lasciava l’abitazione con a bordo E.E., un poliziotto della Sezione Antidroga rimasto appostato nei pressi dell’abitazione, notava il ragazzo gettare un involucro dalla finestra di casa che, successivamente, si accertava essere un panetto di cocaina purissima di gr. 160 (una volta “tagliati” sarebbero diventati un chilogrammo venduta a circa 80/100 euro/gr).

La successiva perquisizione presso il bar dove era presente la sua compagna, permetteva di rinvenire all’interno della borsa di questa due involucri contenenti alcuni grammi di cocaina. Sempre a carico della predetta, ma presso l’abitazione di Montemarciano dove successivamente la perquisizione veniva ripresa, personale della Squadra Mobile rinveniva oltre 10 grammi di mannitolo nascosti all’interno di uno stivale della donna (sostanza usata per tagliare lo stupefacente).

Visti gli elementi di reità raccolti, E.E. veniva tratto in arresto e, su disposizione del Dott.ssa Mariangela Farneti, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, collocato presso la Casa Circondariale di Montacuto (AN) a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente. Alla medesima Procura della Repubblica veniva invece deferita in stato di libertà B.R., sempre in merito al reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il giovane, invece, veniva deferito per il reato di Favoreggiamento Reale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.