Giancarlo Catani: "Jesi come città territoriale e polo attrattivo per i paesi limitrofi" | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Giancarlo Catani: “Jesi come città territoriale e polo attrattivo per i paesi limitrofi”

JESI – Con questa nuova nota stampa, l’avv. Giancarlo Catani, Consigliere uscente con Delega al Turismo del Comune di Jesi, focalizza l’attenzione in tema di Turismo su un Progetto da perseguire nell’ipotesi di riconferma di incarico alle imminenti Elezioni Amministrative dell’11 giugno con la Lista Civica Patto x Jesi. Il Progetto fa riferimento ad un ruolo centrale della città di Jesi nell’area Vallesina, attraverso uno strumento elaborato nell’ultimo anno e supportato da un primario centro di studi economici che inserisce la città-territorio di Jesi tra gli 11 poli funzionali marchigiani. «La città di Jesi viene configurata come “città territoriale”– spiega l’avv. Catani – individuando così interessanti traiettorie attraverso cui legare o rafforzare alleanze intercomunali e funzioni strategiche di sviluppo». Sono state raccolte ed elaborate centinaia di interviste a rappresentanti di istituzioni, imprese e mondo produttivo, ricerca e scuola, associazionismo sociale, culturale e sportivo, mondo giovanile, migranti… Nel documento viene programmata una città che valorizzi il saper fare, declinato su nuove imprese di servizi ad alto valore aggiunto, una realtà che accanto alle infrastrutture tradizionali (come interporto, aeroporto e porto) costruisca una infrastruttura sociale ripensata come dimensione comunitaria, socio-sanitaria e di servizi al benessere, che valorizzi i flussi sportivi e individui nuove destinazioni culturali e ambientali di area vasta. Sulla base di questo studio è stata definita una serie di azioni che troveranno la loro concreta attuazione nei prossimi mesi, in grado di dare risposte importanti alla città in termini di crescita economica, sociale e culturale.

Di seguito, alcune delle proposte lanciate.

1) Incremento di attrattività verso i giovani produttori e creativi per un laboratorio in progress, vale a dire territorio di riferimento su scala regionale per i giovani produttori creativi.

2) Promozione di un contesto produttivo basato su servizi avanzati come innovazione, cultura e ambiente, come territorio di incontro tra innovatori e imprese.

3) Innovazione e accrescimento di offerta, mobilità e itinerari per il potenziale turistico di area vasta, che veda Jesi come territorio del benessere, con cultura, sport, enogastronomia ed attività all’aperto, per allineare la città al parametro di riferimento Marche come presenze e offerta turistica.

4) Ripensamento del sistema di trasporti e mobilità come territorio sostenibile e riferimento a scala regionale per l’efficienza e rispetto ambientale.

5) Coinvolgimento più marcato dei diversi soggetti della comunità (giovani, scuola, associazioni, anziani, famiglie, stranieri…) per un’infrastruttura sociale ed economica avanzata.

6) Ricomposizione delle alleanze istituzionali tra Jesi ed i Comuni della Vallesina per un ecosistema sociale ed economico evoluto. «Si tratta di rafforzare Jesi come fondamentale polo attrattivo – conclude Catani –, che funga da catalizzatore per la rete di comuni limitrofi con i quali creare comunità, coesione e cooperazione. Ce lo chiede la realtà economica, sociale e turistica».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.