Giocatore Jesi Rugby muore a 33 anni stroncato da malattia fulminante

JESI –  Una leucemia fulminante lo ha strappato alla vita a soli 33 anni.  La Jesi Rugby 70 piange la scomparsa di Carlo Quaresima, seconda linea che aveva assunto il ruolo di capitano della squadra. Originario di Monsano, fino a maggio, Carlo era stato un punto di riferimento per il  rugby jesino: miglior giocatore della stagione 2008-2009, con indosso la maglia numero 4, era stimato e apprezzato dai compagni ai dirigenti. Poi la malattia, un male terribile che non gli ha lasciato scampo, divorandolo  in meno di due mesi.

“Con grande dolore di tutti noi, la notte scorsa è venuto a mancare un nostro giocatore, Carlo Quaresima, persona straordinaria e di esempio per tutto il Club – ha fatto sapere Rugby Jesi ’70 in una nota – Carlo ha iniziato a giocare con noi fin dalle giovanili ed è arrivato ad essere una risorsa determinante per la promozione in serie B dello scorso anno. E’ stato lui a ricoprire il ruolo di capitano, a seguito dell’infortunio del capitano Albani, per quasi tutta la fase del ritorno del campionato.

Carlo è stato un grande giocatore, sempre il primo agli allenamenti e sentiremo molto la sua mancanza. Il suo esempio nello sport e il suo ricordo ci aiuti a concentrarci tutti sui veri valori della vita”.

Il funerale per l’ultimo saluto a Carlo sarà celebrato oggi pomeriggio alle 15, a Monsano.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*