Identikit del giocattolo pericoloso. Come riconoscerlo per proteggere la salute dei bambini

La legge definisce il giocattolo come un prodotto destinato ad essere utilizzato a fini di gioco da bambini di età inferiore a 14 anni.

Ma alcuni prodotti, pur avendo l’aspetto di giocattoli, non lo sono e dunque non rientrano nella normativa contenuta nella direttiva 2009/48/CE, attuata in Italia con il D. Lgs. 54/2011.

Decorazioni per festività, prodotti destinati a collezionisti, attrezzature sportive, bambole folcloristiche, giochi con freccette o punte metalliche sono solo alcuni esempi di “pseudo” giocattoli.

I giocattoli sicuri e a normi sono quelli che presentano sull’imballaggio la marcatura CE (di dimensione non inferiore a 5 mm) in grado di garantire la conformità del prodotto alle norme di sicurezza. Inoltre, presentano: nome e denominazione commerciale del marchio, indirizzo del fabbricante o responsabile dell’immissario sul mercato comunitario, le avvertenze e precauzioni d’uso, il nome e l’indirizzo dell’importatore, se presente.

Per evitare di imbattersi in prodotti contraffatti e, dunque non a norma, spesso contenenti sostanze atossiche e nocive che mettono a rischio la tutela dei bambini :

controlla sempre il marchio CE (sfumature di colore, dimensioni del carattere di stampa e disegno del logo) in quanto la contraffazione del marchio CE è un dei reati più comuni;

fai attenzione al prezzo, di solito inferiore rispetto all’originale

acquista in punti vendita e siti autorizzati;

– ricorda che è sempre possibile la sostituzione in caso giocattoli non funzionanti o difettosi e che consentono di attivare la garanzia di 24 mesi;

non acquistare giocattoli anonimi, senza le indicazioni sopra descritte;

ricorda che i giocattoli contraffatti sono spesso privi di confezione rigida in cartone.

– impara a riconoscere i marchi di certificazione volontari utilizzati per evidenziare la presenza di standard di qualità (giocattoli sicuri, marchio IMQ).

Qualora ci si accorga di aver acquistato un prodotto contraffatto, è opportuno segnalare il caso alle autorità preposte al controllo, ad esempio alla Guardia di Finanza, chiamando il 117 o recandosi al direttamente presso il Comando del Corpo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*