Giochi folli in strada, casi in Vallesina: ecco perché i giovani sfidano la morte | Password Magazine
Festival Pergolesi

Giochi folli in strada, casi in Vallesina: ecco perché i giovani sfidano la morte

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Lanciarsi in mezzo la strada mentre arriva l’auto in corsa, scappare e videofilmare tutto con il telefonino: è il nuovo preoccupante «gioco-sfida» in voga tra i giovanissimi e che ha registrato casi anche in Vallesina. Episodi sono stati segnalati la scorsa settimana a Pantiere ma alcune segnalazioni sono arrivate anche da Jesi e Moie. Ragazzini anche di 9 o 10 anni che alla vista del veicolo in arrivo si mettono a ballare in mezzo la carreggiata o si stendono a terra per poi scappare. Per fortuna finora non ci sono stati incidenti ma la preoccupazione resta, insieme a molte domande: perché? Ci risponde Marisa Campanelli, assessore alle Politiche giovanili nel comune di Jesi ma anche psicoterapeuta cognitivo-comportamentale responsabile del Centro di Psicoterapia Cognitiva John Bowlby per la diagnosi e la cura dei disturbi emotivi e del comportamento dell’adulto, del bambino, della coppia e della famiglia: «Da questa domanda – dice – scaturiscono numerose riflessioni. Rischiare la vita, filmarsi e renderlo pubblico sui social è un fenomeno che è e sarà sempre più diffuso». Innanzitutto, spiega la Campanelli, all’origine c’è la tendenza ad esporsi a comportamenti a rischio tipico nell’adolescenza: «In questa fase della vita termina il senso di onnipotenza del bambino e nasce la consapevolezza della propria mortalità, il corpo diventa il luogo dove si fa ricerca di esperienze, controllare la paura è la chiave». È l’età in cui si prende il motorino, in cui improvvisamente si amano i film dell’horror: «A questo si aggiunge che tendenzialmente, fino a 20 anni, c’è una tendenza a sottovalutare il rischio, è un processo che riguarda la coscienza – aggiunge la dottoressa -. Preoccupa che, alla ricerca del pericolo, si accompagni anche questo desiderio di condividerlo sui social, atteggiamento figlio purtroppo di una società sempre più orientata al narcisismo». Che cosa significa? «Qui va richiamata la responsabilità degli adulti – spiega la Campanelli – Fotografiamo e videofilmiamo i nostri figli in tutte le loro fasi, insegnando loro la popolarità. Questo instilla nelle loro coscienze che farsi vedere è l’unico modo per sentirsi all’altezza. I genitori adultizzano così i bambini e li infantilizzano invece nell’adolescenza, periodo in cui inevitabilmente scatta il richiamo alle regole. Solo che ormai è troppo tardi. La non autorevolezza dei genitori individua nei ragazzi la mancanza di limiti e regole. Vale solo il tutto e subito». Gli adolescenti si sentono riconosciuti nella società dunque solo per quello che dimostrano all’esterno: se a questo si aggiunge la confusione tra realtà e mondo virtuale dei social, accentuata dopo il lockdown, si spiega anche perché le sfide spericolate possano aver subito un’accelerata tra i giovani. Il consiglio? «Genitori, riflettete sul vostro comportamento, cercate il dialogo con i vostri figli, parlate con loro di argomenti anche profondi – dice la psicoterapeuta Campanelli -. Farli stare a volte nella frustrazione li rinforza, li aiuta a dare importanza a chi sono, a quello che sentono e non a quello che appaiono».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.