Giornata del Rifugiato, cattolici e musulmani insieme nella piazza della Pace | | Password Magazine

Giornata del Rifugiato, cattolici e musulmani insieme nella piazza della Pace

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESIEtnie, culture e religioni diverse si sono date appuntamento ieri in piazza Federico II per la celebrazione dell’One WorldGiornata mondiale del rifugiato. Obiettivo: stare insieme e conoscersi, convivere in armonia nel segno del rispetto reciproco.

Dieci anni d’attività a Jesi, venti centri tra Marche, Sardegna, Salento e Abruzzo, 300 operatori impegnati e 2.200 richiedenti asilo e rifugiati da gestire: questi i dati forniti all’occasione da Marcos Lopez , responsabile del Gruppo umana solidarietà (GUS).

Nella piazza dedicata all’Imperatore svevo, promotore di messaggi di pace e integrazione tra oriente e occidente, centinaia di fedeli si sono riuniti in una preghiera comune, con i cattolici in duomo e i musulmani sul lungo tappeto allestito ai piedi dell’obelisco.

Sono intervenuti all’evento anche il vice sindaco e assessore alla Cultura Luca Butini,  il vescovo Gerardo, il presidente del centro culturale islamico Al Huda Youssef  Wahabi, Marco D’Aurizio, direttore della Caritas diocesana.

C’era anche Barbara Romualdi, sindaco di Castelplanio, al centro dei recenti fatti di cronaca per la petizione di alcuni cittadini contrari all’arrivo di rifugiati che, probabilmente, saranno ospitati e accolti all’interno di una villetta privata, recentemente imbrattata con scritte xenofobe.

La Romualdi ha voluto ribadire come Castelplanio non sia quello che si è letto in questi giorni: è bensì il luogo dove è nato Carlo Urbani, un uomo che ha dato la sua vita per aiutare gli altri, è il luogo dell’Oikos e teatro del Premio Vallesina di questa edizione (stasera 25 giugno all’abbazia dei Frondigliosi). Tra i premiati, c’è un’altra concittadina, Ilenia Mattiacci, capitano dell’esercito, che ha contribuito a un progetto per l’emancipazione delle donne afghane.

La serata è poi proseguita tra momenti conviviali, spettacoli, musica e mercatini delle onlus partecipanti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.