Giornata del Rifugiato, rompere i muri per conoscersi

(Foto P. Nardella)

JESI – Tanta gente ieri pomeriggio ai giardini pubblici di Viale Cavallotti per la Giornata mondiale del Rifugiato, Break The Wall. Tantissime le associazioni presenti, accanto a stand di persone che hanno fatto conoscere le proprie tradizioni, la loro quotidianità. Dopo l’apertura degli stand sono partiti i laboratori tenuti dai rifugiati e richiedenti asilo accolti dal Gus e le attività relazionali a tappe firmate Tenerezze Urbane a cura di Sabrina Maggiori. “Vogliamo esprimere la nostra vicinanza alle persone in difficoltà – hanno detto Daniele Fancello per Anpi provinciale e Paolo Gubbi per la Consulta per la Pace – Dobbiamo togliere i pregiudizi e accogliere l’altro completamente. Questi ragazzi vogliono farsi conoscere, hanno i nostri stessi diritti e doveri. Perché arrivano su un barcone non significa che sono dei mostri”. La giornata si è conclusa con Babel, la performance di Teatro di Comunità a cura dell’Atgtp che ha abbattuto il muro situato all’antistadio dando il via al concerto dei Jolebalalla. Hanno partecipato le associazioni: Amicizia a Domicilio, Polisportiva Ackapawa Sport Club Jesi, Radio Senza Muri, Libreria Indipendente SABOT, Amichevole Marocco-Italiana della Vallesina (AMIV), ANPI Jesi, Reco’, Odos, Emergency Jesi, Liberato Zambia Onlus, Avis, Casa delle donne, Casa delle culture, Mondo Solidale, Oasi di Ripa Rianca/WWF, Ya Basta, Ambasciata dei diritti, Ostello delle idee, SpaziOstello, Scatolab, Agende Rosse, Qua la mano, Consulta per la Pace, Oikos, Avvocati di Strada Onlus, Chromaesis, Comunità Ucraina nelle Marche, Associazione degli Immigrati Burkina-Faso nelle Marche, COO.SS Marche, ARCI Marche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*