Giornata Mondiale Epilessia, l'Arco si illumina di viola. Il 31 marzo un Convegno a tema | | Password Magazine

Giornata Mondiale Epilessia, l'Arco si illumina di viola. Il 31 marzo un Convegno a tema

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – Oggi si celebra in tutto il mondo la “Giornata Mondiale per l`Epilessia”.

La Lice, Lega Italiana contro l’Epilessia, è la società scientifica che in Italia riunisce i medici epilettologi e che promuove da molti anni campagne informative sul territorio nazionale e una serie di iniziative volte a diffondere una corretta conoscenza della malattia, delle sue componenti e di come affrontarla. Per questo, oggi i monumenti di tante città italiane si illumineranno di viola. Anche la città di Jesi aderisce alla manifestazione e questa sera, dalle ore 18 alle ore 20, sarà  illuminato con il colore viola l’Arco Clementino.

In questa direzione si muova anche il Kiwanis, la più grande organizzazione mondiale di volontari che ha come scopo quello di tutelare i bambini, è lieto di aderire al Service per l`Epilessia e lo farà organizzando per il 31 marzo un incontro gratuito con esperti che si svolgerà presso la Sala dei Convegni di Palazzo Bisaccioni (ore 16.15).

Si tratta di  una delle malattie neurologiche più diffuse ed in Italia colpisce circa 500.000 persone. Può comparire in qualsiasi età della vita, ma interessa maggiormente l’età infanto-giovanile e l’età anziana. Le cause, seppur varie, possono essere individuate fondamentalmente nei fattori genetici e in quelli acquisiti (sofferenza pre-peri-post-natale; anomalie dello sviluppo corticale; esiti di traumi cranici, ictus, etc).

L’Epilessia è un disturbo neurologico cronico caratterizzato dall’occorrenza di crisi epilettiche, definite come manifestazioni cliniche a occorrenza parossistica, ricorrenza imprevedibile nella maggioranza dei casi, di brevissima durata, caratterizzate da segni e/o sintomi dovuti a un’attività neuronale anomala.

Ancora oggi sono attuali le parole del celebre Neurologo americano W.G. Lennox (1884-1960): “L’epilessia è l’unica malattia per la quale chi ne è portatore, soffre di più per l’atteggiamento che la gente ha nei suoi confronti che non per la malattia in sé stessa”. Lo stigma sociale riguardo la patologia è dovuto alla condizione imprevedibile della stessa che, vista la natura improvvisa della crisi, spaventa ed alimenta i pregiudizi.

Fare informazione è pertanto fondamentale per combattere lo stigma soprattutto in ambiti come quello della scuola o dello sport, settori in cui le persone con epilessia fanno fatica ad essere inserite.

Le finalità del Service, con il supporto di Specialisti afferenti alla Lega Italiana contro l’Epilessia, sono quelle di organizzare incontri/eventi che abbiano come target i bambini, i loro genitori e gli insegnanti. Anche in contesti separati.

Tutto ciò per cercare di cancellare lo stigma che ancora circonda la patologia epilettica, far accettare la patologia ai pazienti, ed informare i compagni in modo adeguato all’età, per vivere con serenità tutti i momenti in cui le crisi epilettiche non ci sono e non spaventarsi quando avverranno. Le crisi che si verificano a scuola possono creare un disagio socio-familiare molto complesso, con conseguenze talvolta imprevedibili. Altro obiettivo del Service è quello di stimolare una coscienza tale da far arrivare ad una legge ad hoc per fare in modo che in tutte le scuole possano essere individuati gli insegnanti autorizzati a somministrare i farmaci salvavita.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.