Giornate Fai, a Jesi visite al Circolo Cittadino e all’antica farmacia dell’Ospedale | Password Magazine

Festival Pergolesi

Giornate Fai di Primavera, a Jesi visite al Circolo Cittadino e all’antica farmacia dell’Ospedale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagini tratte dal video del Fai Jesi e Vallesina

JESI – Sabato 26 e domenica 27 marzo tornano le Giornate FAI di Primavera, il più importante evento di piazza dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese. Oltre 700 luoghi solitamente inaccessibili o poco conosciuti in 400 città saranno visitabili a contributo libero, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, grazie ai volontari di 350 Delegazioni e Gruppi FAI attivi in tutte le regioni (elenco dei luoghi aperti e modalità di partecipazione consultabili su www.giornatefai.it ).

A Jesi sarà possibile visitare, senza prenotazione, il Circolo Cittadino e l’antica farmacia dell’Ospedale. I gruppi saranno a numero chiuso fino ad esaurimento dei posti disponibili.

L’apertura del Circolo sarà interamente gestita dal Liceo scientifico Leonardo da Vinci di Jesi con un progetto di Alternanza Scuola Lavoro: è la seconda volta che il FAI di Jesi sostiene un’esperienza del genere dopo l’ottima riuscita della prima volta.

Ogni persona di età superiore ai 12 anni dovrà presentare il Super Green Pass (o valido certificato di esenzione) all’ingresso dei luoghi aperti alle visite.

Le Giornate FAI quest’anno compiono “trenta primavere”: dal 1993 a oggi, 14.090 luoghi di storia, arte e natura aperti in tutta Italia, visitati da oltre 11.600.000 di cittadini, grazie a 145.500 volontari e 330.000 studenti “Apprendisti Ciceroni”.

Il FAI, come istituzione della Repubblica, ha scelto di esprimere in maniera esplicita la vicinanza e la solidarietà con il popolo ucraino esponendo i colori della sua bandiera in tutta la comunicazione e nei Beni, ma la Fondazione vuole dare un contributo concreto e perciò si impegna oggi formalmente a finanziare il recupero di un’opera d’arte del patrimonio culturale ucraino che sarà individuato non appena cesserà la guerra e sarà avviata la ricostruzione del Paese.

Chi deciderà di prendere parte alle Giornate FAI potrà offrire un contributo per sostenere la Fondazione. Ai partecipanti verrà suggerito un contributo non obbligatorio a partire da 3 euro e la donazione online su www.giornatefai.it consentirà, a chi lo volesse, di prenotare la propria visita; per molti luoghi, soprattutto nelle grandi città, la prenotazione online è consigliata per garantirsi l’accesso alla visita. Chi lo vorrà, potrà sostenere ulteriormente il FAI con contributi di importo maggiore oppure con l’iscrizione annuale, sottoscrivibile online o in piazza in occasione dell’evento.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.