Giornate Fai di Primavera, ecco cosa si potrà visitare a Jesi | Password Magazine

Giornate Fai di Primavera, ecco cosa si potrà visitare a Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tornano le Giornate Fai di Primavera il 15 e il 16 maggio. Le Giornate FAI sono un’occasione per conoscere l’inestimabile patrimonio culturale d’Italia e un grande momento di incontro tra il FAI e tutti gli italiani. Chi deciderà di partecipare contribuirà ad aiutare la Fondazione, in un momento delicato come quello che stiamo vivendo, a portare avanti la sua missione e a compiere tanti altri “miracoli” di cui essere orgogliosi. In questi giorni alle Giornate FAI di Primavera è stata conferita la Targa del Presidente della Repubblica. In tutta Italia sono previste 600 aperture in 300 città, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria.

A Jesi saranno aperti la Farmacia Fatebenefratelli e il Palazzo della Signoria con orario continuato dalle 10 alle 18 circa. Si potrà entrare solo su prenotazione e a orari prestabiliti nel rispetto delle regole imposte dalla pandemia. Le visite guidate saranno a cura di venti volontari del FAI di Jesi e Vallesina. Ci si può prenotare solo sul sito giornatefai.it

La storica farmacia jesina, nel decimo censimento dei Luoghi del Cuore che si è concluso lo scorso marzo, ha ottenuto 5861 voti, ed è risultata al quinto posto nella categoria dei Luoghi della Salute, al quarto posto nelle Marche e 63° a livello nazionale grazie alla collaborazione di molte persone e ora il Gruppo FAI di Jesi e Vallesina lavorerà ancora con lo stesso entusiasmo per far conoscere a tutti la “Farmacia” presentata anche alle Giornate FAI di Autunno con un incontro ad ottobre dal titolo “La farmacia Fatebenefratelli: tra curiosità e segreti” con Marina Giorgetti, farmacista, che ha condotto i partecipanti in un affascinante viaggio attraverso la storia di questi suggestivi ambienti.

La Farmacia si trova nell’Ospedale realizzato dall’architetto Arcangelo Vici di Arcevia, su progetto di padre Gerolamo Ferrari superiore dell’Ordine di San Giovanni di Dio detto dei Fatebenefratelli. Questo ordine fu chiamato a occuparsi dell’ospedale dal vescovo Fonseca nel 1742. Prima del 1700 gli ospedali, o meglio i lazzaretti, erano considerati luoghi dove i malati poveri andavano a morire, trovando un’assistenza più che altro spirituale, non c’era il concetto di curare il malato per farlo guarire. Nelle Marche l’ospedale jesino fu la prima struttura settecentesca di questo genere, che offriva garanzie di assistenza sia religiosa che medica, affrontata quest’ultima con criteri scientifici che l’Ordine dei Fatebenefratelli poteva vantare. La Chiesa e la Farmacia possono essere considerati i due cuori dell’ospedale, quello religioso e quello medico. Solo lo Speziale e i suoi aiutanti avevano accesso alla Farmacia costituita da tre locali: il laboratorio, la stanza delle scatole, la farmacia vera e propria. 

Palazzo Signoria

Il Palazzo della Signoria, progettato dall’architetto senese Francesco di Giorgio Martini (1439-1501), una delle figure più importanti della progettazione ingegneristica e architettonica rinascimentale, ha un aspetto poderoso e al tempo stesso elegante. Francesco di Giorgio ha saputo realizzare un equilibrio perfetto tra gli spazi pieni e gli spazi vuoti, tra una abbondante struttura muraria, e le poche, ben calibrate aperture. Si accede al palazzo da un grande portale ad arco a tutto sesto, non disegnato dal Martini, formato da due colonne cerchiate da grosse anellature e inserite per metà del loro diametro su una larga cornice di pietre che sporgono notevolmente dalla facciata. La torre, eretta nel 1661, è una costruzione molto tardiva, realizzata dopo il crollo della torre precedente assai più alta e slanciata. Il portico al piano terreno è formato da quattordici pilastri costruiti a sezione quadra di cm 60 x 60, con mattoni nudi disposti a cortina, che si differenziano dal resto della muratura per il loro colore decisamente più intenso del solito.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.