Banner Aprile IH Victoria

Giorni contati per le ATO, la Regione fa una proposta di legge.

Acqua pubblica. Entro il 31 dicembre di quest’anno le Regioni dovranno sopprimere le Autorità di Ambito Ottimale (Ato) operanti nel settore del servizio idrico e attribuire ad altro soggetto le loro funzioni.  All’indomani del referendum e alla vigilia della soppressione delle Autorità d’Ambito, prevista per il 31 dicembre, quale futuro per l’acqua pubblica? Quali ripercussioni per le tariffe e per gli investimenti? Quali rischi per la qualità del servizio e per il suo controllo?

Sono queste le minacce che incombono sull’acqua pubblica.  Sono questi gli spunti di riflessione che l’Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale n. 2 “Marche Centro-Ancona” e l’ANEA, l’Associazione Nazionale delle Autorità ed Enti di Ambito, lanceranno in occasione della giornata di presentazione della “Relazione sullo Stato del Servizio Idrico Integrato nella A.T.O.  n.2 Marche Centro – Ancona” che si svolgerà, nella sua 9^ edizione, mercoledì alle ore 10 presso la Sala Raffaello della Regione Marche, ad Ancona.

All’incontro, parteciperanno Marisa Abbondanzieri, Presidente A.A.T.O  n 2 “Marche Centro-Ancona”Massimiliano Cenerini Direttore A.A.T.O.  n. 2 “Marche Centro-Ancona”, Luciano Baggiani Presidente ANEA (Associazione Nazionale  Autorità e Enti di Ambito)

Intanto, La Giunta regionale ha approvato in questi giorni una proposta di legge in materia di risorse idriche e di servizio idrico integrato, presentata dall’assessore alle Risorse idriche, Sandro Donati.

La proposta di legge regionale prevede che le attività delle soppresse ato siano conferite ed esercitate dagli enti locali mediante convenzione obbligatoria fra Comuni e Province, in grado di assicurare il pieno coinvolgimento e la diretta partecipazione dei Comuni alle scelte fondamentali del settore.

E’ prevista un’Assemblea di ambito quale organo comune dotato di autonomia, di bilancio e di coordinamento, costituita dai sindaci dei Comuni e dai presidenti delle Province compresi nell’Ato senza che sia previsto alcun compenso per gli amministratori. Tale organismo garantisce la partecipazione dei Comuni alle decisioni strategiche sulla gestione integrata del servizio idrico e dei relativi interventi su investimenti e tariffe. Il territorio regionale è stato suddiviso in Ato 1 denominato Marche Nord – Pesaro e Urbino, Ato 2 Marche  Centro – Ancona, Ato 3 Marche Centro – Macerata, Ato 4 Marche Centro Sud – fermano e maceratese e Ato 5 Marche Sud – Ascoli Piceno e Fermo.

L’Assessore Donati auspica che, come per la legge in materia di rifiuti, anche su questa proposta ci possa essere un’ampia condivisione dei territori e delle forze politiche per continuare a tutelare, con efficacia, un bene comune e di tutti come l’acqua.

 

La redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.