Giorno della Memoria, a Jesi la prima pietra dell'inciampo a Largo Grammercato | | Password Magazine

Giorno della Memoria, a Jesi la prima pietra dell’inciampo a Largo Grammercato

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – In occasione del Giorno della Memoria, Jesi ricorda la Shoah e gli stermini di massa del “secolo breve”, il Novecento dei lager e dei sistemi concentrazionari attraverso i quali l’antisemitismo, il razzismo e l’odio ideologico furono il propellente di mostruosi ed efficientissimi apparati votati ai massacri su scala industriale e alla riduzione in schiavitù di milioni di uomini e donne.

L’Amministrazione comunale, tramite l’assessorato alla Cultura, ha predisposto un  denso programma di iniziative intrecciando momenti istituzionali e cerimoniali con appuntamenti di carattere culturale.

Questa mattina alle ore 12,30 è stata apposta nel lapidario al piano terra del palazzo comunale di due epigrafi: una in ricordo della Giornata della Memoria, dedicata alla Shoah, alle leggi razziali volute dal regime fascista e alle deportazioni dei prigionieri italiani e degli oppositori politici nei lager nazisti e un’altra in omaggio al Giorno del Ricordo, per conservare e rinnovare, come recita la legge istitutiva del 2004, «la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra».

Venerdì alle 18,30 nella sala maggiore del Palazzo della Signoria si terrà la performance teatrale dal titolo «Se mi dimentichi non sono mai esistito», a cura del l’Istituto Marchigiano di Logoterapia e Analisi Esistenziale, scritto da Gabriele Toppi.

Lunedì 27 Gennaio, ricorrenza del Giorno della Memoria, un appuntamento particolarmente toccante e dalla grande valenza simbolica. Nel ricordo di Giulio Ottolenghi, jesino di origini israelite deportato ad Auschwitz Birkenau dove è stato assassinato nel dicembre del 1944, sarà collocata una pietra d’ inciampo in via del Prato (Largo Gammercato), nei pressi dell’abitazione, ora scomparsa, in cui Ottolenghi visse da ragazzo insieme alla famiglia. La pietra d’inciampo è un piccolo blocco quadrato di cm 10×10, ricoperto di ottone lucente, posto davanti la porta o nei pressi della casa nella quale ebbe l’ultima residenza o nacque un deportato nei campi di sterminio nazisti. Essa ne ricorda il nome, l’anno di nascita, il giorno, il luogo di deportazione e la data della morte. Creata nel 1992 dall’artista tedesco Gunter Demnig per ricordare le vittime del nazismo e per reagire a ogni forma di negazionismo, la collocazione della pietra d’inciampo a Jesi, la prima nella nostra città, segue la collocazione di altre sette pietre ad Ancona, città dalla forte connotazione e presenza ebraica e di un’altra a Osimo. La collocazione della pietra, prevista alle ore 12,00, sarà accompagnata da una breve prolusione di Marco Labbate, ricercatore di storia contemporanea presso l’Università “Carlo Bo” di Urbino e dagli interventi degli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Galileo Galilei di Jesi coordinati dalla prof.ssa Carla Tiberi.

I

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.