Giovane infermiera racconta: «La mia prima esperienza in un reparto covid». | Password Magazine

Giovane infermiera racconta: «La mia prima esperienza in un reparto covid».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI –  «Volevo raccontarvi un po’ di questa mia prima esperienza nel reparto Covid. Non voglio soffermarmi nella parte negativa di cui già tutti siete al corrente. Lamentarsi è inutile al contrario di accettare, rimboccarsi le maniche ed andare avanti a testa alta. Io volevo farvi notare gli aspetti più emozionanti, quelli che toccano il cuore». A parlare è Gloria, 22 anni, di Monsano, infermiera al suo primo mese di lavoro al reparto covid. Dopo aver conseguito la laurea, a fine 2020, la giovane è subito stata ‘arruolata’ in corsia, in una delle strutture sanitarie del territorio provinciale. Recentemente, è stata trasferita in un reparto covid.
«Cercherò di farvi provare le mie emozioni con poche parole che spero vi arrivino – racconta sui social dopo la sua prima esperienza tra i pazienti contagiati -. Provate solo ad immaginare di essere lì, in reparto. Andate in una stanza con una paziente ultra80enne o 90enne ormai non più vigile, con catetere vescicale, sondino nasogastrico e maschera di Venturi per riuscire a respirare. Lei è ormai inerme, non vigile e neppure collaborante. Il suo unico contatto è con i suoi occhi con i quali tu speri riesca a comprendere le tue gesta. I familiari lontani ormai da giorni se non mesi. È sola con la sua compagna di stanza sconosciuta. Tu fai le tue attività infermieristiche».
Ma non finisce qui. Per fare questo lavoro, c’è bisogno di cuore e Gloria lo sa bene:
«Non sei un robot per cui osservi» racconta la giovane.
A colpirla subito sono stati i dettagli. Come gli orecchini di perla della paziente. E la immagina proprio nel momento in cui se ne stava davanti allo specchio, per indossarli e guardarsi bella.
«Ha lo smalto rosa rovinato – nota -. Immaginate il momento in cui a casa se lo ha messo o è stata aiutata a metterselo per il piacere di sentirsi una donna elegante anche a quella età.
Ha una fede…provate ad immaginare il giorno in cui suo marito le ha messo quell’anello davanti all’altare e a tutta la storia che racchiude un simile oggetto dopo 40 o 50 anni. Provate a mettervi nei loro panni, a leggere quegli occhi forse ancora aperti per poche ore o giorni».
E aggiunge: «Questo per dirvi che essere infermiera o altro operatore sanitario in questo periodo, è dura…durissima. Ma come in ogni lavoro del mondo, l’amore che dai è l’energia di ogni azione che fai e che ti sazia di soddisfazione».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.