Giro Rosa, l'emozione di vivere l'Italia su due ruote

(foto da: Giro Rosa)

JESI – Saranno in 160 e attraverseranno il centro della città in sella, in volata fino al traguardo di Corso Matteotti.
Le campionesse del 25° Giro Rosa d’Italia arriveranno a Jesi oggi intorno alle 15, dopo aver pedalato per 118 km da Alba Adriatica. Ripartiranno poi mercoledì, alle ore 12, da Piazza della Repubblica, direzione Cesenatico (FC).
Un percorso di dieci tappe complessive dislocate lungo tutto il Paese e che, dopo il via del 4 luglio scorso da Caserta, terminerà domenica al Santuario Madonna del Ghisallo (CO).

Una competizione a suon di pedalate che metterà a dura prova le atlete, intente a confrontarsi tra loro per aggiudicarsi la vittoria. Ma la sfida più importante è sempre quella con se stessi.

Marco Torresi alla Sellaronda Hero

A dirlo è il dott. Marco Torresi del centro di attività motoria Chipos di Jesi, reduce dalla recente Sellaroda Hero, la piú difficile competizione in mountain bike che il 21 giugno scorso ha portato sul tracciato delle Dolomiti circa 4014 atleti tra i piú famosi specialisti di durata al mondo. Un percorso di 84 km e 4.300 km di dislevello che Torresi ha saputo affrontare con determinazione, piazzandosi al 330 posto. “Un risultato piú che soddisfacente, ne vado fiero – racconta Torresi – L’impegno che prendi con te stesso quando decidi di partecipare alla Sellaronda è uno stimolo importante che ti obbliga a mantenere l’allenamento per raggiungere l’obiettivo”.

Come ci si prepara a questo tipo di prove?
“La sofferenza fisica è inevitabile, occorre una preparazione costante e  prolungata nel tempo, iniziando giá diversi mesi prima. Io mi allenavo quattro volte a settimana, sottraendo ore al riposo, prima o dopo il lavoro, con non pochi sacrifici”.

Qual è la contropartita?
“Vivere grandissime emozioni, a contatto con il territorio, scoprendo doti o limiti che non sapevi di avere. Le gare estreme servono a questo…a conoscersi, a misurarsi con se stessi”.

Quanto conta la preparazione “mentale”?
“Direi che fa la differenza. Quando il corpo inizia ad andare in sofferenza deve essere la mente a prendere il controllo della situazione, approcciandosi al dolore e mantenendo la concentrazione”.

Una curiositá: mentre si è in sella, pedalando per 7-8 ore filate, verso una mèta così lontana e difficile da raggiungere…a cosa si pensa?
“Sono ore di vera fatica. In alcuni momenti ti concentri sulle sensazioni corporee per mantenerne il controllo. In altri, riesci a goderti il paesaggio e il panorama che ti circonda. E poi ci sono quelli in cui la testa ti incita a non cedere, a non mollare….e il pensiero va a tutte le persone che quotidianamente fanno il tifo per te e ti sono vicine. Io personalmente penso sempre a mia moglie Michela”

Andrai a vedere il Giro Rosa?
“Sicuramente sì, farò un salto in centro per vedere le campionesse. Magari aggiungerà alla mia determinazione altra forza per affrontare la mia prossima sfida, sabato, nella Dolomiti Superbike”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*