Giulia Giuditta Mafai a Jesi racconta la Scuola Romana | | Password Magazine

Giulia Giuditta Mafai a Jesi racconta la Scuola Romana

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nell’ambito della mostra “La Scuola Romana, da Via Cavour agli Anni ‘50”, promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e visitabile, tutti i giorni, presso la sede di Palazzo Bisaccioni in Jesi,  fino al prossimo 25 Settembre, la Fondazione organizza sabato 9 settembre alle ore 18.00 un incontro con Giulia Giuditta Mafai, terzogenita di Antonietta Raphael e Mario Mafai, sorella di Miriam Mafai, giornalistica e politico.

Giulia ha intrapreso la carriera di costumista e scenografa a partire dal 1950 firmando alcuni tra i più noti film italiani. Ha lavorato con vari registi e attori del periodo tra cui Vittorio De SicaMario MonicelliSophia LorenMarcello MastroianniElliott GouldHarvey KeitelKeith Carradine. È stata ideatrice e curatrice del Laboratorio del Carnevale di Venezia dal 1978 al 1985. Scrittrice.

Con le parole di Giulia la mostra si arricchisce e si colora di tutti quei particolari reconditi, nascosti e sconosciuti al grande pubblico. Aspetti familiari ed intimi, aneddoti e piccoli segreti,  in parte, rimasti sconosciuti anche alla critica ufficiale che si è occupata della Scuola Romana e che hanno caratterizzato le vicende esistenziali di Mario Mafai, Antonietta Raphael e Scipione (Gino Bonichi) che, a partire dalla seconda meta degli Anni ’20, hanno dato inizio al movimento.

Movimento che ha visto la fattiva partecipazione di artisti marchigiani, tra i quali: Scipione, Corrado Cagli, Pericle Fazzini, Luigi Bartolini, Orfeo Tamburi, Arnolfo Crucianelli.

Interverrà l’artista Mario Sasso portando la sua testimonianza, in merito all’ambiente ed alle atmosfere che ancora si respirano quando si parla di Scuola Romana.

Una breve introduzione di Giancarlo Bassotti, curatore della mostra,  precederà l’incontro Giulia Mafai e Mario Sasso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.