Gli anni '70 dell'Arte, mostra imperdibile a Palazzo Bisaccioni | | Password Magazine

Gli anni ’70 dell’Arte, mostra imperdibile a Palazzo Bisaccioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “La densità del vuoto. Gli anni ’70 dell’Arte” è il titolo della mostra che inaugurerà domani 30 giugno alle ore 18 a Palazzo Bisaccioni, Piazza Colocci. Con questa esposizione, curata da Giancarlo Bassotti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi continua la sua attività espositiva e, dopo le mostre degli ultimi due anni dedicate ad Osvaldo Licini, alla Scuola Romana e al Futurismo, presenta un’esposizione dedicata a quel decennio che ha cambiato radicalmente il modo di concepire l’arte in Italia e non solo. Gli anni Settanta nel mondo dell’arte sono un periodo tra i più interessanti, questa mostra vuole raccontarli attraverso i suoi protagonisti: dagli Stati Uniti quali Joseph Kosuth e Sol Lewitt e in Italia come Alighiero Boetti e Gino De Dominicis, agli esponenti dell’Arte Povera da Kounellis a Pistoletto a Zorio, fino ad arrivare ad Ontani – con la volontà di rendere lo straordinario fermento di ricerca che ha percorso quegli anni.

Organizzata in collaborazione con la Galleria d’Arte Gino Monti di Ancona, la mostra rimarrà aperta e gratuita fino al 24 settembre, tutti i giorni (esluso il 15 agosto) dalle 9.30 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30. Presenti nel percorso espositivo artisti marchigiani – di natali o di elezione – a confermare una delle mission principali della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, ossia la valorizzazione e promozione del territorio. Partendo da Gino De Dominicis, nato ad Ancona nel 1947, e Eliseo Mattiacci, originario di Cagli, c’è Ubaldo Bartolini artista maceratese che sposa l’arte concettuale nella sua prima produzione e Claudio Cintoli trasferitosi nella prima infanzia a Recanati, città in cui tornerà sempre, fino ad arrivare a Pierpaolo Calzolari che vive e lavora tra Fossombrone e Lisbona.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.