Gli antichi pali lignei lungo il fiume: c'era un porto sull'Esino? | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Gli antichi pali lignei lungo il fiume: c'era un porto sull’Esino?

CURIOSANDO/ a cura di Riccardo Ceccarelli

Nei primi giorni del mese di ottobre 2015 sono stati ritrovati una ventina di pali lignei lungo il fiume Esino nei pressi della riserva naturale Ripa Bianca. L’analisi al carbonio 14 li ha fatti datare attorno al 1660. Il ritrovamento ha destato interesse e curiosità anche presso la stampa locale. Diverse sono state le ipotesi sull’utilizzo di queste palificazioni infisse sul greto del fiume, tutte comunque legate ad attività fluviali, al rimessaggio di imbarcazioni per attività commerciali, ad un porto sul fiume o all’attraversamento del fiume stesso.

Più ovvio quello dell’attraversamento del fiume con l’utilizzo di una fune e “guidare” così la barca o la zattera da una parte all’altra e la necessità di ancoraggio in dei pali  della fune e della barca per permettere alle persone o ai carri di salirvi. In mancanza di ponti sul fiume era questo il modo più comune per attraversarlo e non pochi erano i punti lungo il fiume, fino all’Ottocento, preposti per l’attraversamento, dove poi per lo più furono fatti i ponti. Il numero dei pali comunque può far ipotizzare l’utilizzo per l’ancoraggio di imbarcazioni e di conseguenza alla navigabilità del fiume Esino. Sopravvive ancora (sulla carta!) la leggenda secondo cui Federico II  invitò la città a scegliere tra il titolo di “città regia” o rendere il fiume navigabile fino al mare, si optò per la prima possibilità; gli storici in verità si sono soffermati sull’effettivo progetto e studio di navigabilità del fiume Esino dai pressi della città fino al mare. Proposte in tal senso vennero elaborate nel corso del Cinquecento tenendo presente dell’”acqua bastante” e del “declivio proporzionato”. La realizzazione del progetto – si scriveva – qualora “il fiume di Jesi nella Marca si facesse navigabile fino al mare, sarebbe di notabile giovamento, specialmente per l’esportazione dei grani e l’importazione di sali”; papa Gregorio XIII mandò sul posto “architetti e persone perite” che “trovarono che il nuovo alveo poteva farsi comodamente”, si scontrò tuttavia con l’opposizione delle “genti del Paese” motivata con “la malaria che il canale potrebbe causare” ma soprattutto con i danni che le sistemazione degli argini avrebbero portato alle proprietà limitrofe dei privati. Insomma interessi di pochi di fronte ad un’opera di pubblica utilità: prevalsero i primi, così Gregorio XIII  “per non contristare o danneggiare  quei popoli, ne depose il progetto”. Era il 1579. Un piccolo segmento di storia riemerso con i pali lungo il fiume anche se questi non hanno niente da spartire con il “sogno” o progetto del fiume navigabile. Non è da escludere comunque la presenza di un piccolo porto fluviale per il trasporto lungo gli argini di derrate alimentari o altre cose senza quei lavori progettati nel Cinquecento. Un dato comunque sembra assodato: nei secoli passati le acque dell’Esino erano più abbondanti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.